15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22
Ragusa

Avrebbe anche minacciato la donna

Ragusa, mediatore culturale del Gambia violenta un’ospite del centro per richiedenti asilo

27 Ottobre 2018

Un gambiano, S.A., di 26 anni, mediatore culturale in un centro per migranti richiedenti asilo, un giorno, secondo il racconto di una donna ospite del centro, mentre quest’ultima stava cucinando, avrebbe abusato sessualmente di lei minacciandola di non dire nulla perché l’avrebbe uccisa.

La donna per timore di essere uccisa non ha denunciato la violenza subita ma quando l’uomo il giorno dopo le si sarebbe  avvicinato nuovamente accusandola di aver violato una regola del centro, lei gli avrebbe risposto che se lui avesse continuato lei avrebbe denunciato tutto alla Polizia.

Il mediatore culturale invece di allontanarsi, l’avrebbe picchiata selvaggiamente procurandole gravi lesioni personali rompendole le ossa nasali, mascella e zigomo. La donna portata d’urgenza nell’ospedale di Ragusa, avrebbe riferito di essere stata colpita a seguito di una lite ma nulla avrebbe detto a proposito della violenza sessuale. Quindi, quella che poteva apparire “solo” come un’inaudita violenza fisica consumata all’interno del centro a seguito di una lite, nascondeva molto di più.

Gli investigatori della Squadra Mobile, specializzati in reati di questo tipo, hanno ascoltato la donna insieme ad una psicologa e dopo un lungo lavoro sono riusciti a rassicurare la vittima. La donna, una volta al sicuro, ha denunciato tanto la violenza sessuale quanto le gravi lesioni subite.

Intanto, l’indagato si sarebbe allontanato da Ragusa facendo perdere le proprie tracce, ma grazie al lavoro degli investigatori l’indagato è stato riconosciuto dalla vittima che aveva denunciato i fatti, dunque, in collaborazione con l’Ufficio Immigrazione della Questura di Ragusa, la Squadra Mobile ha rintracciato l’indagato dando esecuzione alla misura cautelare disposta dall’Autorità Giudiziaria.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.