Ragusa, rafforzati i pronto soccorso della provincia :ilSicilia.it
Ragusa

SANITA'

Ragusa, rafforzati i pronto soccorso della provincia

13 Gennaio 2020

La Direzione Strategica dell’Asp di Ragusa ha deliberato 1500 ore di prestazioni aggiuntive nelle divisioni di emergenze degli ospedali di Ragusa, Modica e Vittoria iblei per far fronte alle lunghe estenuanti attese dei degenti.

La scelta si è basata sulla possibilità, prevista dalla normativa contrattuale, di effettuare prestazioni erogate in regime di attività libero professionale, in via eccezionale e temporanea, ad integrazione dell’attività istituzionale, con lo scopo ben preciso di ridurre i tempi di attesa, ricorrendo a prestazioni aggiuntive soprattutto quando c’è carenza di personale e l’impossibilità, anche momentanea, di coprire i posti vacanti.

Le prestazioni aggiuntive di 1500 ore sono previste sino al 30 giugno 2020 in attesa del completamento dell’organico medico.
Questa decisione è una risposta all’emergenza da affrontare – dice il direttore generale dell’Asp 7 Angelo Aliquòche riguarda tutto il territorio nazionale e con questo extra budget di ore contiamo di dare risposte ai bisogni degli utenti“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.