Raid vandalici nelle scuole a Palermo: arrivano 170 nuove telecamere "intelligenti" :ilSicilia.it
Palermo

LO HA DELIBERATO LA GIUNTA COMUNALE

Raid vandalici nelle scuole a Palermo: arrivano 170 nuove telecamere “intelligenti”

di
4 Settembre 2020

Centosettanta telecamere “intelligenti” in almeno 20 plessi scolastici di Palermo, la cui installazione sarà curata dalla Sispi. Lo prevede la delibera approvata dalla Giunta Comunale, che vuole così dare una risposta ai sempre più numerosi attacchi, atti vandalici e furti contro asili e scuole pubbliche cittadine.

Saranno realizzate grazie ai fondi destinati dallo Stato agli interventi per facilitare l’avvio dell’anno scolastico (circa un milione e ottocentomila euro) e a fondi del Ministero dell’interno per la videosorveglianza. Per le scuole dove le telecamere sono già installate ma sono spente per assenza di manutenzione, arriveranno invece dei soldi che potranno essere utilizzati direttamente dai dirigenti per la stipula dei contratti.

Tutte le telecamere saranno dotate di un particolare software basato su sistemi d’intelligenza artificiale per l’analisi dell’immagine, che sarà in grado di valutare se ciò che viene ripreso possa essere un atto violento a danno di persone o cose e quindi invierà uno specifico allarme alla centrale operativa della Polizia Municipale.

In ogni caso, anche se le telecamere avranno il proprio terminale all’interno del Comando di via Dogali, saranno agganciate al sistema dell’anello telematico cittadino e quindi trasmetteranno in tempo reale il proprio segnale a tutte le forze dell’ordine.

raid vandalico alla scuola Falcone dello ZenL’elenco delle scuole che negli ultimi mesi sono state “visitate” da ladri e vandali è lungo. Dalla “Pertini” dello Sperone, alla “Falcone” dello Zen, passando per la “Mattarella” di Bonagia, e poi ancora il “Guttuso” di via Messina Marine, l’asilo “Papavero” e la scuola “Levi Montalcini” a Borgo Nuovo. Una lista interminabile di furti, danneggiamenti, a volte degli atti di puro vandalismo.

“Come abbiamo più volte sostenuto – afferma il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando – le scuole sono il luogo principe in cui si costruisce la comunità, perché rivolte ad accogliere e a dare servizi ai più piccoli. Chiunque danneggia una scuola o ne ruba i materiali compie non solo un atto criminale che va punito legalmente, ma soprattutto compie un furto di futuro a danno dei nostri figli e nipoti. Le telecamere, come l’indispensabile controllo delle forze dell’ordine saranno certamente un deterrente, ma resta intatta la necessità che vi sia una ribellione sociale, un rifiuto delle nostre comunità, delle famiglie e dei nostri quartieri contro chi, appunto, vuole distruggere il futuro dei palermitani più piccoli”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin