Raizes Teatro, compagnia in scena a Vienna al Forum UE sui diritti fondamentali :ilSicilia.it

Il 12 ottobre

Raizes Teatro, compagnia in scena a Vienna al Forum UE sui diritti fondamentali

di
8 Ottobre 2021

La compagnia paladina dei diritti umani Raizes Teatro, fondata da Alessandro Ienzi, avvocato del Foro di Palermo,  non si ferma e prosegue la sua crescita inarrestabile portando la propria voce all’estero. Completamente autoprodotta, la rilevante realtà teatrale ha appena concluso la tournée nazionale in supporto di Patrick Zaki, quattro appuntamenti nelle piazze di  Palermo, Napoli, Roma e Bologna. Ma lo sguardo è già a Vienna, dove la compagnia è stata invitata al Forum dei Diritti fondamentali 2021 dell’Unione Europea, che si svolgerà l’11 e il 12 ottobre nella capitale austriaca al Vienna City Hall alla presenza dei  massimi rappresentanti di ONU, Unione Europea, Facebook e UEFA.

Il 12 ottobre, al Vienna Rathaus,  nel corso del più importante evento europeo sui diritti umani, organizzato dalla Fundamental Rights Agency, Raizes Teatro porterà  in scena “Set you free”, la performance dedicata alle sfide sui diritti umani che l’Unione Europea deve affrontare ed è supportata da Avant-GardeLawyers, NGO con sede a Parigi, che offre assistenza legale agli artisti privati della libertà di espressione.

Il Forum è un evento ibrido che offrirà 145 diverse sessioni  tra workshop e  dibattiti in cui confrontarsi sulle sfide più urgenti in materia di diritti umani. Le sessioni, oltre che a Vienna, avranno luogo a Strasburgo, Ginevra, Varsavia, Lubiana e Oslo e saranno trasmesse online.  Presenti più di 500 oratori da tutto il mondo che discuteranno su cosa è necessario fare per promuovere e proteggere i diritti umani nell’UE.

Parte integrante del Forum sono decine di esibizioni d’arte dal vivo di musicisti, poeti, comici e artisti, che metteranno in evidenza la connessione unica tra arte e diritti umani. In questo contesto si inserisce l’invito a Raizes Teatro, che si è assunta la responsabilità di raccontare ciò che ci fa vergognare di esseri umani con risultati riconosciuti a livello internazionale.

Presenti a Vienna pure il presidente austriaco Alexander Van der Bellen, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, il vicepresidente per i valori e la trasparenza della Commissione europea Vera VěraJourová e il sindaco e governatore di Vienna Michael Ludwig, che apriranno il forum insieme a Michael O’Flaherty, direttore dell’Agenzia dell’UE per i fondamentali Diritti e presidente del Forum.

I rappresentanti delle principali aziende tecnologiche mondiali – come Facebook, Twitter e Mozilla Foundation – discuteranno di come possono proteggere e promuovere meglio i diritti umani, mentre i rappresentanti dell’UEFA parleranno di diritti umani e sport.

La cerimonia conclusiva si avvarrà dei contributi di La Dunja Mijatović, Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa; Eamon Gilmore, rappresentante speciale dell’Unione europea per i diritti umani; Agnès Callamard, Segretario Generale, Amnesty International; Emily O’ Reilly, Mediatore europeo; Christos Giakoumopoulos, Direttore Generale dei Diritti Umani e dello Stato di Diritto del Consiglio d’Europa.

Il connubio tra arte e diritti umani è una esplorazione unica che consente di approfondire le dinamiche dell’animo umano e le interazioni, tra esseri umani e con il mondo – spiega Ienzi –.  Raizes è ad oggi una delle massime espressioni artistiche europee per profondità e integrazione, per coraggio e composizione. A Vienna andranno in scena performer giovanissimi poco più che ventenni, alcuni giunti in Italia come minori non accompagnati. Condivideremo il Forum con le massime personalità dell’ONU, dell’UE, di Facebook  e dell’UEFA. Racconteremo una storia importante e difficile”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin