Randagismo, il 67% dei cani è nei rifugi del Sud. Save the dog: "Sviluppare insieme progetti efficaci" :ilSicilia.it

divario enorme col Nord

Randagismo, il 67% dei cani è nei rifugi del Sud. Save the dog: “Sviluppare insieme progetti efficaci”

di
30 Marzo 2021

Sono 98.596 cani presenti in Italia nei canili e rifugi e il 67% si trova nel Sud. A dirlo sono i dati che mostrano un divario enorme tra Nord e Sud in Italia, anche in tema di randagismo.

Infatti, nel sud e nelle isole vi sono concentrati il 43% dei canili mentre i cani sono oltre 66.200. Tra questi la Campania registra il numero più elevato di cani nei canili e rifugi con oltre 20.856, a seguirla: Puglia con 18.953, Calabria con 15.000, Sardegna con 8.904, Basilicata con 6.495 . In Sicilia, invece i cani  nei rifugi sono 6.213.

Nell’Isola però il costo di mantenimento delle strutture annuo è di circa 8 milioni, ma la spesa più elevata è quella della Campania con 27 milioni annui, seguita da Puglia 24 milioni, Calabria 20 milioni, Sardegna 11 milioni e Basilicata 8 milioni.

Ma la situazione più drammatica, registrata da Save The Dogs, l’associazione italiana impegnata da vent’anni nella lotta al randagismo e nella tutela degli animali, è in Calabria.

“Canili gravemente sovraffollati, abbandoni, animali vaganti: il randagismo in Calabria ha raggiunto livelli drammatici e del tutto incompatibili con una società civile“, dice Giuliana Adamo, responsabile del progetto “Non uno di Troppo”.

“Nei canili è infatti difficile entrare e il benessere degli animali rinchiusi è inesistente“, spiega l’associazione e, inoltre, “I cani incontrati da Giuliana nel suo viaggio sono per lo più cani di pastori o cani da caccia, lasciati vagare incustoditi e spesso abbandonati perché inadeguati allo scopo“.

La proposta

Per arginare la piaga del randagismo – è scritto nella nota – bisogna agire a monte del problema, per questo motivo il programma di Save the Dogs si basa su azioni concrete e indispensabili come la sterilizzazione e l’iscrizione in anagrafe, la mappatura dei cani vaganti e iniziative di sensibilizzazione per educare i proprietari degli animali verso una detenzione responsabile. L’obiettivo è creare nel sud Italia una rete virtuosa di collaborazione con associazioni animaliste impegnate a fare la differenza nella propria comunità fornendo loro le risorse economiche necessarie per sviluppare insieme progetti efficaci”.

“Vogliamo portare la nostra esperienza, accumulata in contesti difficili in quasi vent’anni di attività, nei territori dove il randagismo ha raggiunto livelli allarmanti. Passo dopo passo andiamo avanti verso il nostro obiettivo di creare un sistema virtuoso al sud mettendo in rete esperienze, innovazione, professionalità, diffondendo buone pratiche e premiando la trasparenza e la serietà. Questo vuole essere solo un punto di partenza e stiamo già progettando con i nostri partner ulteriori importanti iniziative per il futuro”, dichiara Sara Turetta, presidente di Save the Dogs.

In Campania il progetto è partito nel 2019 e ora partirà anche in Calabria.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.