Rap, approvato il bilancio del 2019. Orlando: "Garantiamo gestione pubblica sui rifiuti" :ilSicilia.it
Palermo

la giunta

Rap, approvato il bilancio del 2019. Orlando: “Garantiamo gestione pubblica sui rifiuti”

di
13 Luglio 2020

Venerdì pomeriggio, alla presenza dell’assessore Sergio Marino in rappresentanza del Comune, socio unico dell’azienda, si è svolta l’assemblea ordinaria dei soci di RAP, convocata dal Presidente Giuseppe Norata per l’approvazione del bilancio Esercizio 2019. Erano presenti i componenti del CdA Alessandra Maniscalco Basile e Maurizio Miliziano e il Direttore Generale Roberto Li Causi. Il bilancio si è chiuso con un utile di esercizio pari a poco più di 15 mila euro, grazie ad alcuni fattori concomitanti.

In particolare, tre elementi hanno principalmente contribuito al risultato:

-il contenimento dei costi operativi, in particolare quelli relativi al personale (da 88 a 85 milioni), sceso a fine 2019 a 1.800 unità confermando il costante decremento fin dalla costituzione dell’azienda (i dipendenti erano infatti 2.350 nel 2014); conseguentemente, scende anche l’incidenza dei costi di personale sul totale dei costi, arrivando al 60% che è il risultato più basso da quanto l’azienda RAP è nata.

– l’aumento della TARI per 7 milioni grazie alla lotta all’evasione che ha permesso di individuare centinaia di migliaia di metri precedentemente non dichiarati, quindi senza un aggravio delle tariffe per le singole famiglie;

– il riconoscimento di un contributo straordinario per gli “extra-costi” sostenuti dall’azienda per il conferimento dei rifiuti in altre province dopo la chiusura della VI vasca di Bellolampo.

A fronte di un non significativo incremento del debito verso i fornitori (circa il 10% in più rispetto al 2018), si registra un ottimo recupero nel campo dei debiti tributari che passano da 9 milioni a 4 milioni circa, dei debiti verso istituti previdenziali che passano da 11 milioni a 6 milioni circa e dei debiti verso altri che passano da 9 milioni a 6 milioni circa.

Un miglioramento è registrato anche sul fronte dei crediti, in particolare verso il Socio Comune di Palermo, passati da 55 a 51 milioni e a cui corrisponde anche una maggiore regolarità dei pagamenti.

A commento dell’approvazione del bilancio, il Sindaco Leoluca Orlando ha dichiarato che:

La scelta politica di garantire la gestione pubblica dei rifiuti si conferma quella più giusta, anche sotto il profilo finanziario ed aziendale, sottolineando la possibilità e la correttezza di un percorso pubblico virtuoso alternativo a scelte regionali che hanno in passato puntato sul ruolo dei privati. Adesso, anche grazie al contratto per 15 anni, non vi sono più alternative alla garanzia di servizi efficienti per i cittadini e per la città.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’assessore Marino, che sottolinea come “adesso vi sono tutti gli elementi per puntare senza più ostacoli sulla differenziata, sul sistema premiante per i cittadini virtuosi, sul piano di spazzamento meccanizzato e manuale, sull’avvio di un percorso aziendale che miri a ridurre il rifiuto attraverso percorsi di riuso.”

Infine, per il Presidente Giuseppe Norata ed il Direttore Roberto Li CausiLe cifre di questo bilancio confermano la capacità di contenimento dei costi ed allo stesso l’importante recupero delle posizioni debitorie dell’azienda, entrambi elementi importanti per guardare avanti anche per un miglioramento dei rapporti con fornitori ed istituti di credito. Il bilancio 2019 arrivato a poche ore dall’approvazione del nuovo contratto di servizio quindicennale consente di guardare al futuro, chiamando ovviamente la dirigenza e tutta la RAP ad assumere la responsabilità di un miglioramento del servizio.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.