Rap, i sindacati: "Pronti alla mobilitazione dei lavoratori" :ilSicilia.it
Palermo

"rischio di interruzione della continuità aziendale"

Rap, i sindacati: “Pronti alla mobilitazione dei lavoratori”

di
2 Ottobre 2019

Nessuna concreta soluzione al problema, sono ben 1,2 milioni di euro richiesti alla RAP dalle discariche di Catania per i conferimenti del solo mese di agosto, non assisteremo inermi al rischio di interruzione della continuità aziendale“. Intervengono così, annunciando la possibile mobilitazione dei lavoratori se non ci saranno novità di rilievo, sulla vicenda della chiusura della discarica di Bellolampo e sui continui vertici di queste ultime settimane tra istituzioni, politica e azienda, Dionisio Giordano, segretario generale Fit Cisl, Pietro Caleca segretario regionale Uiltrasporti e Giuseppe Badagliacca segretario generale Fiadel, che aggiungono: “siamo allarmati dalla inefficacia delle soluzioni intraprese, spesso condivise tra le parti e poi disattese dalle stesse, con la certificazione comunque della inefficacia dell’azione del Governo regionale, del mancato rispetto degli impegni assunti e del serio rischio di far sprofondare la RAP in nuove problematiche economico-finanziarie“.

Se per i conferimenti del solo mese di agosto le discariche catanesi hanno emesso fatture pari a 1,2 milioni di euro, è facile immaginare le serie difficoltà nelle quali il gestore pubblico di Palermo potrebbe a breve ritrovarsi. Dove sono gli aiuti economici annunciati dal governo regionale? Ci limitiamo a ricordare come la precoce saturazione della VI vasca, sia stata causata da ripetute ordinanze regionali che hanno imposto ai cancelli della discarica di Palermo di essere aperti a più di 50 comuni della provincia palermitana e di quella trapanese. E ancora, se la VII vasca non è ancora pronta e non è neanche messa a gara, ci aggiorni il governo regionale sul reale stato dell’arte di questa incompiuta“.

I sindacati aggiungono: “Serve, quindi, un cambio di passo di tutti gli attori interessati da questa emergenza che corre realmente il rischio di far saltare il già precario sistema rifiuti siciliano. E se è vero che il Comune di Palermo ha inteso irrobustire la governance della Rap con un CdA nuovo che vede comunque il ritorno di due consiglieri conoscitori della vicenda rifiuti palermitana; e se è vero che la Rap di Palermo ha finalmente un Direttore Generale, esperto del sistema rifiuti siciliano e convinto assertore della gestione pubblica del servizio, al quale è affidato il compito di rivitalizzare il gruppo dirigente e aumentare la produttività aziendale, adesso è arrivato il momento che la Regione si impegni concretamente per il superamento di questa criticità a partire dal trasferimento di quelle risorse economiche promesse e non ancora pervenute. La RAP non deve pagare per i ritardi di altri, siamo pronti a mobilitare i lavoratori” concludono i sindacati.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin