Rap, i sindacati su dimissioni Cda: "Subito una nuova governance" :ilSicilia.it
Palermo

la richiesta

Rap, i sindacati su dimissioni Cda: “Subito una nuova governance”

di
17 Aprile 2021

“Subito una nuova governance per dare continuità a ciò che è stato messo in campo dopo l’approvazione del contratto di servizio, per il rilancio della Rap” cosi Giuseppe Spataro Fp Cgil , Vincenzo Traina Fit Cisl, Francesco Sinopoli Uiltrasporti, Agostino Cospolici Fiadel e
Carmelo Giallombardo Filas intervengono dopo le dimissioni del CdA di Rap.

” Troppi i problemi che attanagliano l’azienda di Piazzetta Cairoli: aspettiamo da dicembre l’approvazione del Pef tari 2020 per il riconoscimento del pagamento degli extracosti sostenuti dalla Rap dovuti alla chiusura della VI vasca di Bellolampo, aspettiamo ancora il trasferimento nelle casse della Rap dei 15 milioni di fatture riconosciute dal Comune di Palermo così come certificato nella riunione alla presenza del Sindaco, di parte della giunta e della burocrazia comunale nel mese di marzo oltre alla definizione della ricapitalizzazione della società che aspettiamo dal 2018“.

“Si deve proseguire con la riorganizzazione dell’azienda per rendere un servizio ottimale per la città, si deve investire sui mezzi, sulle attrezzature senza abbandonare la strada della messa in sicurezza dei luoghi di lavoro già messa in campo dal Presidente Norata, e dai consiglieri del CdA, Maniscalco Basile e Miliziano, a cui va il nostro ringraziamento per ciò che hanno fatto in questi anni per la Rap. Auspichiamo un dialogo e un confronto costruttivo tra tutte le forze politiche che compongono il consiglio comunale affinché la Rap e i lavoratori non si trovino in mezzo a beghe politiche. Ci limitiamo a ricordare che lo stato di agitazione è stato sospeso in attesa di risposte concrete che ancora ad oggi non sono arrivate“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.