Rap, Norata: "Riconsegneremo i quartieri di Palermo puliti ai cittadini" | Video intervista :ilSicilia.it
Palermo

Le dichiarazioni del presidente

Rap, Norata: “Riconsegneremo i quartieri di Palermo puliti ai cittadini” | Video intervista

di
29 Aprile 2019

 

Guarda in alto la video intervista

E’ stata indetta una conferenza stampa questa mattina dall’amministratore unico di Rap, Giuseppe Norata, che nonostante le polemiche nei giorni scorsi con il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando che ha messo in discussione la gestione della partecipata, secondo Norata “Non ci sono accuse da parte del sindaco e non mi sento sotto processo. Con il sindaco e l’Amministrazione c’è piena condivisione dei problemi, l’Amministrazione condivide con la Rap la volontà di riorganizzazione del servizio, abbiamo accolto due atti di indirizzo fondamentali: il servizio di igiene ambientale è pubblico e deve restare tale e la Tari non deve aumentare“.

rifiuti
via del Bastione

Intanto, però la città non gode del massimo splendore, considerato che è sotto gli occhi di tutti il degrado in cui versa Palermo, dalle periferie alla centro storico, una storia che ormai va avanti interrottamente da tempo, a questo proposito Norata ha messo l’accento sull’abbandono dei rifiuti “Nel 2018 Rap ha raccolto oltre 4 mila ingombranti in più abbandonati a Palermo rispetto al 2017. Il solo costo di conferimento di questi rifiuti in più ci costa oltre un milione, senza dimenticare lo straordinario che serve per fare questo tipo di raccolta“,

Questo dell’abbandono – continua Norata – è un servizio che non rientra nel contratto di servizio e la stessa relazione della commissione d’indagine sulla Rap lo evidenzia. Dobbiamo dunque stare attenti a ciò che si verifica sul territorio perché non deve essere consentito a nessuno di compiere con atti illegali“.

Faremo un piano straordinario che si svilupperà nell’arco di un bimestre per riconsegnare i quartieri di Palermo puliti ai cittadini“.

Puntiamo – prosegue Norata – a sensibilizzare i cittadini a tenere puliti i quartieri e ci assumiamo noi l’impegno di assicurare la pulizia ordinaria e in maniera corretta“.

La riorganizzazione che abbiamo già avviato – prosegue Norata – trova ancora più forza nella relazione della commissione d’inchiesta sulla Rap e ci conferma che i risultati cominciano a vedersi. Mi sono insediato ad agosto 2018 e ho trovato una perdita di oltre 3 milioni di euro a trimestre. Adesso, grazie anche al nuovo gettito deliberato dal Consiglio comunale, abbiamo azzerato la perdita e abbiamo anche un di più che ci permette di guardare al futuro in maniera più rosea. Abbiamo invertito la tendenza dei costi a Bellolampo, abbiamo diminuito il costo dello straordinario, abbiamo dato gli obiettivi ai dirigenti: questo dimostra che l’efficientamento c’è, l’azienda esiste, è attiva e operativa pienamente“, conclude l’amministratore unico di Rap.

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, Norata (Rap): “Non mi sento sotto processo, Orlando può revocarmi”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.