Rapimento con giallo in pieno centro a Capaci, arrestati tre palermitani | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

i tre sono finiti ai domiciliari

Rapimento con giallo in pieno centro a Capaci, arrestati tre palermitani

16 Settembre 2019

Uno sguardo di troppo e qualche avance alla donna dell’amico. Sono queste le ragioni che hanno fatto scattare la spedizione punitiva nei confronti del ventiquattrenne aggredito e sequestrato per qualche ora a Capaci (Palermo). Adesso per quell’episodio ci sono anche i responsabili. Sono tre palermitani, ovvero Vincenzo Mira di 42 anni, Domenico Lo Verso di 27 anni e Alessio Tomaselli di 25 anni, arrestati dai Carabinieri della Stazione di Capaci e posti agli arresti domiciliari.

Ai tre viene contestato il sequestro di persona, la violenza privata e le lesioni personali. Le indagini, coordinate dal pm Alfredo Guagliardi, sono iniziate dalla denuncia del sindaco del piccolo centro alle porte di Palermo, Pietro Puccio. E’ stato lui a vedere l’aggressione e poi il giovane caricato con forza su una Fiat Panda.

I carabinieri, grazie ad alcune telecamere, hanno impiegato pochissimo a risalire a Lo Verso e a Tomaselli, che hanno costretto la vittima a salire in macchina. Insieme ai due c’era una terza persona più adulta e corpulenta poi successivamente identificata in Vincenzo Mira.

L’auto è stata vista in via Vittorio Emanuele a Capaci poi in autostrada, verso Palermo. Una volta identificati, Lo Verso e Tomaselli, convocati dai militari, si sono presentati con gli stessi vestiti che indossavano il 20 luglio scorso, giorno dell’aggressione.

Anche la vittima è stata chiamata in caserma, ma non ha confermato quanto le telecamere hanno ripreso. Non ha detto di essere stato costretto a salire in macchina, né di essere stato schiaffeggiato, lasciando intendere che l’ha fatto di suo proposito.

Le immagini, però, dicono il contrario e raccontano di un’aggressione, come si legge nell’ordinanza del gip Annalisa Tesoriere, scaturita non tanto da questioni di gelosia, ma di preteso “rispetto” per la “mala guardata” rivolta alla donna di un altro uomo. Al raid punitivo, secondo le indagini dei carabinieri, avrebbe partecipato anche Vincenzo Mira, patrigno di Lo Verso.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.