Rapina a mano armata una tabaccheria nel Catanese: arrestato 33enne | VIDEO :ilSicilia.it
Catania

IL FATTO

Rapina a mano armata una tabaccheria nel Catanese: arrestato 33enne | VIDEO

di
30 Agosto 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Palagonia hanno arrestato un 33enne del posto, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale calatino in ordine ai reati di rapina aggravata e porto di armi od oggetti atti ad offendere.

Le indagini, coordinate dal Procuratore della Repubblica di Caltagirone, Dott. Giuseppe VERZERA, hanno fatto piena luce sulla rapina commessa lo scorso 20 aprile ai danni di una tabaccheria ubicata in via Savona 48 a Palagonia.

L’indagato, con il volto travisato e armato di coltello, fece irruzione nell’esercizio commerciale dove, sotto la minaccia dell’arma, costrinse la titolare a riporre i 500 euro contenuti nella cassa all’interno di una borsa “gentilmente” fornita dal criminale. Compiuta la rapina, il malvivente fuggì a piedi imboccando via Delle Cave.

Gli investigatori dell’Arma, intervenuti immediatamente sul posto, ricostruendo le fasi della rapina, anche grazie alle immagini registrate dal sistema di video sorveglianza, rinvennero in via Delle Cave un cappellino verde e bianco, una borsa di plastica di colore bleu e rossa, un coltello con la lama rossa, nonché, in piazza Risorgimento, a circa 300 metri di distanza dall’esercizio commerciale, un giubbotto di pelle nero e uno scaldacollo di colore bleu, il tutto perfettamente corrispondente con quanto indossato e impugnato dall’uomo nel corso del fatto reato.

La conoscenza dell’humus delinquenziale operante nella zona, ha indirizzato le indagini verso l’odierno indagato che, in occasione di un fotosegnalamento eseguito nel dicembre 2020 (servizio antidroga), indossava un giubbotto di pelle nero molto simile per alcuni segni distintivi a quello ritrovato in piazza Risorgimento.

E proprio nel corso di un controllo finalizzato alla repressione dei reati in materia di stupefacenti l’uomo è stato invitato in caserma per gli opportuni approfondimenti dove ha avuto la possibilità di sorbire un caffè e di lasciare incautamente sul bicchierino che lo conteneva le tracce biologiche del suo DNA che, opportunamente comparate con quelle trovate sul berrettino e lo scaldacollo, sono risultate appartenergli.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin