Rapinata un'anziana: in custodia cautelare un pregiudicato palermitano :ilSicilia.it
Palermo

il provvedimento restrittivo emesso dalla Polizia di Stato

Rapinata un’anziana: in custodia cautelare un pregiudicato palermitano

di
12 Settembre 2021

La Polizia di Stato ha eseguito un provvedimento restrittivo di custodia cautelare in carcere nei confronti di un pregiudicato palermitano di 54 anni, ritenuto responsabile del reato di rapina aggravata.

Lo scorso 27 aprile, un malvivente aveva aggredito una donna in via Butera per sottrarle la borsa contenente documenti e soprattutto la pensione d’invalidità del figlio, appena prelevata in un ufficio postale.

L’inattesa e strenua resistenza della donna che aveva fatto di tutto per difendere la borsa aveva innalzato la soglia di violenza dell’aggressione, fino a spingere il rapinatore, deciso a tutto pur di impossessarsi del denaro, ad indirizzare alla malcapitata calci e pugni.

Probabilmente la donna ne avrebbe tratto ancor più gravi conseguenze se in sua difesa non fosse intervenuto un turista, pronto ad allontanare l’assalitore.

Il turista, infatti, è riuscito a far cessare l’aggressione, ma non ha evitato che alla donna, in ultimo, fosse sottratta la borsa dal malvivente, prima che questi si allontanasse e facesse perdere le proprie tracce.

I poliziotti del Commissariato di P.S. “Oreto-stazione”, subito accorsi sul luogo della rapina, hanno minuziosamente studiato il caso, esaminando il tragitto compiuto dalla vittima, a partire dal luogo della filiale postale, che verosimilmente era stato anche quello percorso dal rapinatore.

Sono state individuate alcune telecamere che, alla fine, si sono rilevate determinanti ai fini dell’individuazione del malvivente: questi è risultato aver scrutato la vittima ed averla seguita a bordo di uno scooter sin dalla sua uscita dall’ufficio postale.

In via Butera, forse perché in una zona più isolata, il malvivente ha ritenuto di poter entrare in azione ed è iniziata l’aggressione, conclusasi con l’intervento del turista.

I poliziotti sono riusciti a risalire al malvivente anche sviluppando la frazione alfa numerica del targhino del ciclomotore, captato dalle telecamere e che è risultato essere nella disponibilità di un 54enne pregiudicato, noto per i numerosi precedenti anche molto simili al crimine addebitatogli in questa circostanza.

L’uomo, più volte assente dal suo domicilio, è stato individuato e raggiunto dopo un’attività di quartiere fatta di riscontri, appostamenti e pedinamenti. Risulta attualmente recluso presso una locale casa circondariale.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin