Rapine con sequestri di persona e furti ai bancomat: 5 arresti nel Trapanese CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it
Trapani

il fatto

Rapine con sequestri di persona e furti ai bancomat: 5 arresti nel Trapanese CLICCA PER IL VIDEO

di
5 Novembre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

I carabinieri del nucleo investigativo di Trapani e della compagnia di Alcamo, con lo squadrone eliportato cacciatori di Sicilia hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip nei confronti di cinque persone accusate di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di rapine con sequestri di persona e furti ai bancomat. I militari hanno anche denunciato 8 persone, di cui una deceduta. Quattro gli arrestati – tre in carcere e uno ai domiciliari – a uno e’ stato imposto invece l’obbligo di dimora.

L’operazione è scattata dopo una serie di furti di bancomat e rapine in villa anche violente con sequestro di persona. La banda è accusata di 4 furti, di cui 2 consumati, a sportelli Atm e di 3 violente rapine in abitazione con sequestro di persona, di cui una tentata, avvenute a Custonaci, Erice Casa Santa e in Contrada Rilievo. I colpi, secondo una stima, avrebbero fruttato denaro e beni per un milione e mezzo di euro.

Tra le cose trafugate anche una pistola calibro 38. Dalle intercettazioni i carabinieri hanno appreso come il gruppo programmasse i colpi nei minimi particolari con numerosi sopralluoghi, pedinamenti delle vittime, e l’utilizzo di modernissime apparecchiature elettroniche come telecamere sugli obiettivi designati e finanche Gps sui veicoli delle vittime. Per portare via i bancomat di uffici postali e banche praticavano dei fori sulle pareti di edifici adiacenti e portavano l’Atm con un flex.

Secondo le indagini dei carabinieri gli arrestati sarebbero, tra l’altro, gli autori della rapina violenta a casa di una coppia di medici, a Erice, commessa la notte tra il 21 e il 22 gennaio del 2019. Per quel colpo dopo 8 mesi era stato arrestato uno degli autori. La rapina, che frutto oltre un milione di euro, venne messa a segno ai danni dei coniugi Renato Salone e Paola Maltese, medici molto noti di Trapani. Il colpo venne portato a termine da quattro persone e fece molto scalpore. I quattro rapinatori riuscirono ad introdursi in casa della coppia di notte approfittando del fatto che in quel periodo il sistema d’allarme era disattivato a causa di alcuni lavori di manutenzione alla casa, e sorpresero marito e moglie a letto. Immobilizzarono la donna e la narcotizzarono, mentre con la pistola minacciarono il marito intimandogli di aprire la cassaforte. L’uomo, terrorizzato, disse però di non avere la chiave. Allora con un flex , che i quattro si erano portati dietro e dopo ore di lavoro, estrassero la cassaforte dal muro e la portarono via. Nella cassaforte oltre ad oggetti di valore, gioielli, oro e soldi c’era anche una pistola regolarmente denunciata.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro