Rapporto Svimez 2017: la Sicilia arranca nel Sud che cresce, mentre è la prima regione per rischio povertà :ilSicilia.it

Secondo il Rapporto 4 siciliani su 10 sono a rischio povertà

Rapporto Svimez 2017: la Sicilia arranca nel Sud che cresce, mentre è la prima regione per rischio povertà

di
28 Luglio 2017
La Sicilia arranca in un Mezzogiorno in cui il Pil cresce più di quello del Centro-Nord, rispettivamente dell’1% contro lo 0.8%. Nell’Isola, infatti, la crescita del Prodotto interno lordo nel 2016 si è fermata allo 0.3%, mentre il rischio povertà è il più alto d’Italia, con una percentuale record del 39.9%. E’ quanto emerge dalle anticipazione del Rapporto SVIMEZ 2017 sull’economia meridionale diffuse oggi a Roma.

E’ il settore manifatturiero a trainare la ripresa in tutto il Sud. Questo è cresciuto cumulativamente di oltre il 7% nel biennio 2015-2016 e del +2,2% nel 2016. Segnali positivi anche dal comparto dei servizi che ha fatto registrare un +0.8% e da quello edile con un +0.5%. Per il 2017 si stima un aumento del Pil dell’1,1% al Sud e dell’1,4 % nel Centro-Nord. La tendenza dovrebbe confermarsi anche nel 2018. Nel prossimo anno si prevede un aumento del Pil dello 0,9% nel Mezzogiorno e dell’1,2% al Centro Nord.

I principali driver della crescita meridionale nel 2017 dovrebbe nuovamente essere i consumi totali, con una previsione di crescita dell’1,2% e gli investimenti con un +2%. Si prevede anche una crescita per l’occupazione dello +0,6%. Nonostante i dati positivi, però, se il Mezzogiorno proseguirà con gli attuali ritmi di crescita, recupererà i livelli pre crisi nel 2028, 10 anni dopo il Centro-Nord.

La regione in cui sono state registrate le migliori performance è la Campania. Qui il Pil nel 2016 è cresciuto del 2,4% a termine del triennio 2014-16. La Sicilia si piazza solo al penultimo posto tra le 8 regioni del Mezzogiorno. Prima di lei Basilicata (+2,1%), Molise (+1,6%), Calabria (+0,9%), Puglia (+0,7%), Sardegna (+0,6%). L’Isola, nello stesso periodo, cresce di uno striminzito 0,3% e sconta gli effetti negativi dell’agricoltura, dell’industria (-0,8%) e delle costruzioni (-0,5%) che stentano a invertire il trend, mentre il settore dei servizi ha un andamento poco più stazionario (+0,4%). Dietro di lei solo l’Abruzzo (-0,2%).

Drammatica è la situazione in cui vivono molto cittadini meridionali, in particolare i siciliani. Nel 2016 circa 10 meridionali su 100 sono in condizione di povertà assoluta, contro poco più di 6 nel Centro- Nord. Nelle regioni del Sud “il rischio di povertà è triplo rispetto al resto del Paese: Sicilia (39,9%), Campania (39,1%), Calabria (33,5%)”, si legge nelle anticipazioni del Rapporto, secondo le quali “le politiche di austerità hanno determinato il deterioramento delle capacità del welfare pubblico a controbilanciare le crescenti diseguaglianze indotte dal mercato, in presenza di un welfare privato del tutto insufficiente al Sud”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.