Rave party stupefacente nel Trapanese a base di coca e anfetamine, blitz dei carabinieri | Video :ilSicilia.it
Trapani

Arrestati tre giovani

Rave party stupefacente nel Trapanese a base di coca e anfetamine, blitz dei carabinieri | Video

di
4 Agosto 2018

Guarda il video in alto

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Alcamo hanno arrestato tre persone, due delle quali residenti a Palermo e una a Paceco (TP).

Nel corso dell’operazione denominata “In the wood”, i militari dell’Arma sono riusciti a disarticolare un’organizzazione composta da giovani dediti alla detenzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti, soprattutto cocaina e Mdma. Le sostanze venivano cedute agli acquirenti in occasione di “rave party” organizzati all’interno di una struttura di Buseto Palizzolo.

Le feste venivano pubblicizzate tramite social network dagli organizzatori, senza indicare precisamente il luogo dove si sarebbe tenuto il “rave”, al quale gli aspiranti partecipanti venivano poi ammessi solo attraverso successivi contatti diretti e dopo che gli organizzatori ne avevano verificato l’affidabilità.

La struttura sequestrata

Il Tribunale di Trapani, ritenendo che a carico degli indiziati sussistessero gravi indizi di colpevolezza, ha emesso i provvedimenti cautelari nonché il sequestro preventivo dell’immobile denominato “Il Contadino” di Buseto Palizzolo dove si tenevano gli eventi.

Gli arrestati, tutti con precedenti di polizia, sono Alessandro Genco, 21 anni, Santo Priolo, 30 anni, e Antonino Pace di 20 anni.

Rintracciati presso le rispettive abitazioni di Palermo e Paceco, sono stati tratti in arresto per i reati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e, dopo le formalita’ di rito, posti agli arresti domiciliari.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.