Razza, la Cimo auspica il ritorno all'Assessorato alla Salute :ilSicilia.it
Banner Bibo

la nota

Razza, la Cimo auspica il ritorno all’Assessorato alla Salute

di
18 Maggio 2021

“La vicenda dei dati Covid truccati o meno, già parzialmente sgonfiatasi col passaggio da una Procura all’altra, ha determinato come risultato più eclatante la decapitazione della Sanità Regionale sia attraverso la sospensione sine die della Dirigente Generale del DASOE, Maria Letizia Di Liberti, sia con le dimissioni volontarie dell’Assessore Ruggero Razza” scrive la Federazione CIMO – FESMED della Regione Sicilia.

“Non volendo minimamente entrare nel merito della vicenda giudiziaria di cui in tanti hanno parlato pur senza avere tutti gli elementi necessari per poter esprimere una valutazione scevra da condizionamenti di parte, non ci si può esimere da una semplice constatazione, quella che il Presidente Musumeci non può, per via dei tanti altri gravosi impegni, continuare ancora per molto a mantenere l’interim di un Assessorato che, mai come in questo drammatico frangente, ha bisogno di una guida a tempo pieno e in grado di gestire le tante problematiche che lo riguardano – prosegue -.  Le dimissioni di Ruggero Razza, arrivate in piena pandemia non sono certamente state foriere di un miglioramento della gestione della sanità regionale sotto tutti gli aspetti, sia emergenziali che ordinari, rischiando unicamente di vanificare il lavoro fin qui svolto da un Assessore che, comunque la si voglia pensare, si è indiscutibilmente impegnato in un contesto già difficile di suo senza che al resto dovesse sommarsi il dramma della pandemia da Covid 19.

“In passato non abbiamo risparmiato all’Assessore Razza le critiche che abbiamo ritenuto corrette e talvolta doverose ma oggi, proprio per questo al riparo da qualsiasi accusa di piaggeria, riteniamo che l’Assessorato Regionale della Salute non possa restare oltre senza un titolare e ci permettiamo di aggiungere che, per dare senso e continuità all’azione dell’intera Giunta Regionale, al netto di beghe politiche che non riguardano il buon andamento della sanità siciliana, la soluzione auspicabile sarebbe proprio quella del ritorno al timone dello stesso Ruggero Razza“, conclude.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin