Reati contro la Pubblica Amministrazione, processo "Patti & affari": 7 le condanne :ilSicilia.it
Messina

inchiesta del 2015

Reati contro la Pubblica Amministrazione, processo “Patti & affari”: 7 le condanne

di
29 Giugno 2019

Dopo oltre dieci ore di camera di consiglio il tribunale di Patti ha emesso in nottata la sentenza del processo “Patti & Affari”, inchiesta che nell’agosto del 2015 portò all’arresto di 7 persone e all’emissione di 39 avvisi di garanzia per reati contro la pubblica amministrazione.

La pena più alta è stata inflitta all’impiegato comunale Salvatore Colonna, condannato a 6 anni e 4 mesi di reclusione oltre all’interdizione dai pubblici uffici per la durata di 5 anni. Il tribunale ha inoltre condannato a un anno di reclusione Michele Cappadona, Giuseppe Catalfamo, Giuseppe Giarrizzo e Carmelo Raneri; a 1 anno e 6 mesi di reclusione Oreste Casimo, con l’interdizione dai pubblici uffici per la durata della pena; e a 2 anni di reclusione Tindaro Giuttari. Per tutti pena sospesa.

Assolti, invece, perché il fatto non sussiste, il sindaco di Patti Mauro Aquino, l’ex assessore Nicola Molica, Concettina Buzzanca, Antonino Caleca, l’ex assessore Giorgio Cangemi, Antonella Cappadona, Renato Cilona ex sindaco di Librizzi, Roberto Corrente, Gaetano Di Dio Calderone, Venera Franca Falliano, Nicola Giuttari ex consigliere comunale, Marcella Gregorio, Cisco Gullo ex vice sindaco, gli ex assessori Salvatore Impalà, Antonino Lena, Paolo Mastronardi e Stefano Mollica; Luciana Panissidi, Domenico Pontillo, Nunzio Pontillo, Maria Tumeo, e l’ex sindaco Giuseppe Venuto.

Per intervenuta prescrizione non si è proceduto nei confronti di Salvatore Giordano.

L’inchiesta, avviata nel 2012, venne condotta dalla polizia del locale commissariato e dalla squadra mobile di Messina, coordinati dall’allora Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Patti Rosa Raffa, e dal sostituto Rosanna Casabona.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.