Recovery, Donato (Lega): "Senza ponte sullo stretto resta gap delle infrastrutture in Sicilia" :ilSicilia.it
Messina

La dichiarazione dell'eurodeputata

Recovery, Donato (Lega): “Senza ponte sullo stretto resta gap delle infrastrutture in Sicilia”

di
28 Aprile 2021

L‘eurodeputata della Lega, Francesca Donato, è intervenuta sulla questione ‘Ponte sullo stretto di Messina’ nel corso del webinar “Next Generation Ue – Un piano per un’Europa più moderna e sostenibile” di EuroMed Carrefour Sicilia.

“Una delle più grandi mancanze nel Pnrr è quella dell’inserimento del Ponte sullo Stretto di Messina. La Lega è stata la principale forza politica insieme a Italia Viva che a livello nazionale si è battuta, ma il Ponte non è passato perché non c’era la volontà di tutti i partiti”, ha detto Donato.

Il fatto che non sia realizzabile entro il 2026 è solo un pretesto, si poteva spacchettare il progetto e inserirne una parte – sottolinea Donato in riferimento al mancato inserimento del Ponte sullo Stretto di Messina nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. L‘alta velocità del progetto nazionale si ferma a Reggio Calabria, senza il ponte addio ai sogni di colmare il gap delle infrastrutture. Avremo solo qualche nuova ferrovia per rimediare alle arretratezze incredibili della Sicilia”.

“Con il cosiddetto ‘freno di emergenza’ saremo per tutto il tempo sotto la spada di Damocle degli altri paesi dell’UE che decideranno se bloccare l’erogazione dei fondi all’Italia. Ricordo – prosegue l’eurodeputata della Lega-  che se saremo in ritardo con alcune riforme, o se anche solo uno stato membro avrà alcuni dubbi sul nostro operato, potranno essere bloccati i pagamenti semestrali del Recovery Fund”.

Nonostante io sia l’unica eurodeputata delle isole presente in commissione e relatore ombra di tutti i dossier del Recovery Fund – aggiunge la parlamentare europea leghista – non sono stata coinvolta dalla Regione Sicilia nel momento in cui si è dovuto scrivere il piano regionale e questo va contro i valori di squadra. Il piano scritto da Musumeci non è stato accolto e avevo già avvisato che avremmo trovato di fronte un muro di gomma. Se avessero accettato il mio contributo – rivendica Donato – si sarebbe potuto fare un lavoro migliore”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco