Recovery, Falcone: "Senza Ponte sullo Stretto futuro Sicilia compromesso" :ilSicilia.it
Messina

l'affondo dell'assessore

Recovery, Falcone: “Senza Ponte sullo Stretto futuro Sicilia compromesso”

di
2 Luglio 2021

Noi siamo particolarmente critici sul Pnrr perché, nel momento in cui esclude il Ponte sullo Stretto e, quindi, l’alta velocità e la continuità territoriale, la prospettiva di sviluppo della Sicilia, della Calabria e di tutto il Meridione sarebbe compromessa. Auspichiamo quindi che ci possano essere interventi correttivi per inserire un’opera che riteniamo fondamentale per la crescita e lo sviluppo del nostro territorio”.

Lo ha affermato l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, ai lavori su ‘Il potenziamento del sistema dei trasporti in Sicilia e Calabria: proposte e soluzioni per un’interconnessione con i corridoi europei per uno sviluppo commerciale e socioeconomico attraverso il Pnrr’ che si è svolto a Sant’Alessio Siculo, nel Messinese.

STANCANELLI: “A SICILIA E CALABRIA TOLTI 10 MLD”

“Alla Sicilia e alla Calabria vengono sottratti più di dieci miliardi di euro per opere che già esistevano. I trasporti, le strade, gli hub aeroportuali sono il cuore del rilancio della Sicilia. Con il Recovery Fund oggi abbiamo una occasione storica per il potenziamento delle strutture al Sud e per questo ho voluto chiamare a confronto esperti e rappresentanti della politica regionale e nazionale. Sono preoccupato perché nel Pnrr italiano sono previste infrastrutture che erano state finanziate con altri strumenti”.

Lo ha affermato l’eurodeputato di Fdi Raffaele Stancanelli, vicepresidente della Commissione Juri del Parlamento Europeo, allo stesso meeting. Ai lavori hanno partecipato, tra gli altri, il sottosegretario Giancarlo Cancelleri e il presidente dell’Ars, Gianfranco Micciché.

“Ho voluto questo convegno, trasversale tra tutte le forze politiche – ha aggiunto – per mettere in risalto questo grave problema a danno dei siciliani e dei calabresi. Sarà il primo di una serie che faremo nell’isola, per essere concreti sulle reali necessità della nostra terra”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Centrodestra, Miccichè: “Coalizione ampia favorisce le cose”

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin