Recovery fund, Orlando scrive a Draghi: "Ora risorse al Sud, basta usare la mafia come alibi" :ilSicilia.it

Il sindaco di Palermo e presidente dell'Anci Sicilia attacca il nuovo Presidente del Consiglio

Recovery fund, Orlando scrive a Draghi: “Ora risorse al Sud, basta usare la mafia come alibi”

di
2 Marzo 2021

In Sicilia, nel Mezzogiorno, la criminalita’ non e’ piu’ al potere: non c’e’ piu’ alcun alibi per giustificare le disuguaglianze. Lo ha scritto nero su bianco, in una lettera al premier Mario Draghi, il sindaco di Palermo e presidente dell’Anci Sicilia, Leoluca Orlando, come riporta La Repubblica.

La criminalita’ c’e’ a Palermo, come a Roma e a Milano, e in nessuna di queste citta’ e’ al potere – evidenzia Orlando –. Oggi chi non vuole sostenere il Sud deve avere il coraggio di non usare aggettivi: e’ contro il Meridione, e non perche’ il Sud e’ mafioso. E’ vero invece il contrario: se non arrivano i soldi si favorisce il malaffare, perche’ se dal malato non arriva il medico arrivera’ lo stregone, lo stesso che al Nord rileva con pochi spiccioli le fabbriche in crisi”.

“L’Italia di oggi – secondo il sindaco di Palermo e presidente dell’Anci Sicilia – e’ la Germania del 1989, quando cadde il Muro. Il cancelliere Kohl unifico’ due mondi. La stessa sfida che tocca oggi a Draghi”. “Sento molto parlare del grande Nord e ne sono contento: ma e’ un Nord che ha i piedi d’argilla se non c’e’ un Sud che avanza – aggiunge -. Se Milano e’ la citta’ piu’ europea d’Italia, Palermo e’ la piu’ mediterranea”.

“C’e’ un divario di cittadinanza – sottolinea Orlando -. Chi abita nel Mezzogiorno non ha gli stessi diritti ne’ gli stessi servizi di chi vive al Nord: asili e mense, strade e ferrovie. All’Europa che dice di colmare le distanze verrebbe da rispondere: fate pagare meno tasse al Sud. Ma io credo che un modello da seguire ci sia”.

E per il sindaco di Palermo e’ “quello sanitario: l’Italia ha un livello di assistenza che funziona, anche se poi il centralino dell’ospedale e’ in tilt e il medico arriva in ritardo.
Possiamo pensare di applicare lo stesso modello ad altri settori, fissando uno standard minimo compatibile con il tempo che viviamo e con le risorse che abbiamo? Tutti i bambini hanno diritto al tempo prolungato e alla mensa a scuola: poi la Regione ricca dara’ per pranzo il salmone e la piu’ povera la sardina”.

In merito al Recovery fund, “io sono certo che le risorse arriveranno grazie all’autorevolezza di Draghi – dice -. Ma mi chiedo: riusciremo a spenderle entro sei anni, che e’ oggi il tempo medio in Italia per aggiudicare un appalto? L’Europa chiede riforme: ma quali? Sono prioritarie quelle elettorali o quelle per progettare e realizzare le opere? Serve un provvedimento urgente di semplificazione. E un alleggerimento immediato dei vincoli del patto di stabilita’ per i Comuni, che non possono spendere i soldi che hanno”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin