Recovery, Musumeci: "A Draghi chieste tre-quattro cose e non mille" :ilSicilia.it

Recovery

Recovery, Musumeci: “A Draghi chieste tre-quattro cose e non mille”

di
23 Aprile 2021

Al premier Draghi non abbiamo chiesto mille cose da fare, ma tre-quattro cose, come un porto hub per ospitare le migliaia di navi che attraverso il Mediterraneo vanno verso il Baltico; un collegamento stabile sullo Stretto di Messina, che noi chiamiamo ‘Ulisse’, senza il quale non ci puo’ essere alta velocita’ se non c’e’ un attraversamento in 3-4 minuti; ferrovie veloci e il completamento dell’anello autostradale che so essere un tema dell’agenza politica del sottosegretario alle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri“.

Così il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, nel suo intervento alla presentazione, a Palermo, della terza edizione degli Stati Generali dell’Export organizzati dal Forum Italiano dell’Export e in programma dal 24 al 26 settembre a Marsala, in provincia di Trapani.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin