Recovery Plan, Ance Sicilia: "No al monopolio dei general contractor" :ilSicilia.it

la denuncia dei costruttori

Recovery Plan, Ance Sicilia: “No al monopolio dei general contractor”

di
7 Aprile 2021

I costruttori siciliani denunciano un accordo tra la politica e le lobby del nord sul Recovery Plan fatto sula pelle della Sicilia passando per la figura del general contractor.

“Va bene dare piu’ risorse al Sud, purche’ i benefici siano incassati al Nord, tramite i general contractor, colossi delle costruzioni che ora vedono lo Stato al loro fianco come azionista e finanziatore. Il tutto a scapito delle imprese locali del Mezzogiorno e della Sicilia“, afferma Santo Cutrone, presidente dell’Ance, che si oppone “alla costituzione, di fatto gia’ delineata, di un monopolio dei general contractor del Nord sul mercato delle opere pubbliche al Sud, in particolare in Sicilia, che escluda del tutto le imprese locali dalla possibilita’ di partecipare alle gare d’appalto, proprio ora che, dopo dieci anni di vuoto, da Roma si prospetta almeno il finanziamento della manutenzione della viabilita’ stradale e ferroviaria, voce che darebbe ossigeno alle piccole imprese stremate dalla crisi”.

“Il disegno nazionale – prosegue – sarebbe quello di un Accordo quadro che, con la scusa di fare presto e replicando il ‘modello Genova’, assegni direttamente ai general contractor tutti gli interventi che saranno finanziati con il ‘Recovery Plan’ e anche con le risorse europee della programmazione ordinaria”.

Dunque, ragiona Cutrone, “non solo le grandi infrastrutture strategiche che sono gia’ affidate in lotti di importo troppo elevato per l’imprenditoria locale: i general contractor avrebbero a loro completa disposizione anche tutti gli interventi di manutenzione stradale e ferroviaria. Niente piu’ gare, niente piu’ regole e trasparenza, controlli al minimo indispensabile. Una linea che, ad esempio, ha gia’ trovato corrispondenza nella decisione del governo nazionale di rinviare ancora una volta l’entrata in vigore della direttiva europea Bolkestein, che prevede il ricorso alle gare per l’assegnazione delle concessioni autostradali, e di prorogare al 31 dicembre 2021, per le concessioni che non sono state affidate con gara, la possibilita’ di continuare a gestire in house il 40% della manutenzione della rete autostradale e di affidare con gara a imprese esterne solo il 60% dei lavori“.

“Ci opponiamo ad un chiaro disegno imprenditoriale – dichiara Cutrone – che sta prendendo forma a livello nazionale trovando convergenza politica e istituzionale, ed e’ contro questa operazione che occorre una forte presa di posizione della Regione col sostegno compatto di tutte le forze politiche, di maggioranza e opposizione, nell’interesse comune di salvaguardare il futuro delle imprese locali, dei lavoratori edili e delle loro famiglie. E per questo facciamo appello alla Regione siciliana e alle altre Regioni del Sud affinche’ gia’ domani, nell’incontro organizzato dal premier Mario Draghi sul Recovery Plan, protestino contro questo disegno che, ancora una volta, fa leva sul sentimento anti-imprese locali tipico di certa politica”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.