Recovery Plan, Ance Sicilia: "No al monopolio dei general contractor" :ilSicilia.it

la denuncia dei costruttori

Recovery Plan, Ance Sicilia: “No al monopolio dei general contractor”

di
7 Aprile 2021

I costruttori siciliani denunciano un accordo tra la politica e le lobby del nord sul Recovery Plan fatto sula pelle della Sicilia passando per la figura del general contractor.

“Va bene dare piu’ risorse al Sud, purche’ i benefici siano incassati al Nord, tramite i general contractor, colossi delle costruzioni che ora vedono lo Stato al loro fianco come azionista e finanziatore. Il tutto a scapito delle imprese locali del Mezzogiorno e della Sicilia“, afferma Santo Cutrone, presidente dell’Ance, che si oppone “alla costituzione, di fatto gia’ delineata, di un monopolio dei general contractor del Nord sul mercato delle opere pubbliche al Sud, in particolare in Sicilia, che escluda del tutto le imprese locali dalla possibilita’ di partecipare alle gare d’appalto, proprio ora che, dopo dieci anni di vuoto, da Roma si prospetta almeno il finanziamento della manutenzione della viabilita’ stradale e ferroviaria, voce che darebbe ossigeno alle piccole imprese stremate dalla crisi”.

“Il disegno nazionale – prosegue – sarebbe quello di un Accordo quadro che, con la scusa di fare presto e replicando il ‘modello Genova’, assegni direttamente ai general contractor tutti gli interventi che saranno finanziati con il ‘Recovery Plan’ e anche con le risorse europee della programmazione ordinaria”.

Dunque, ragiona Cutrone, “non solo le grandi infrastrutture strategiche che sono gia’ affidate in lotti di importo troppo elevato per l’imprenditoria locale: i general contractor avrebbero a loro completa disposizione anche tutti gli interventi di manutenzione stradale e ferroviaria. Niente piu’ gare, niente piu’ regole e trasparenza, controlli al minimo indispensabile. Una linea che, ad esempio, ha gia’ trovato corrispondenza nella decisione del governo nazionale di rinviare ancora una volta l’entrata in vigore della direttiva europea Bolkestein, che prevede il ricorso alle gare per l’assegnazione delle concessioni autostradali, e di prorogare al 31 dicembre 2021, per le concessioni che non sono state affidate con gara, la possibilita’ di continuare a gestire in house il 40% della manutenzione della rete autostradale e di affidare con gara a imprese esterne solo il 60% dei lavori“.

“Ci opponiamo ad un chiaro disegno imprenditoriale – dichiara Cutrone – che sta prendendo forma a livello nazionale trovando convergenza politica e istituzionale, ed e’ contro questa operazione che occorre una forte presa di posizione della Regione col sostegno compatto di tutte le forze politiche, di maggioranza e opposizione, nell’interesse comune di salvaguardare il futuro delle imprese locali, dei lavoratori edili e delle loro famiglie. E per questo facciamo appello alla Regione siciliana e alle altre Regioni del Sud affinche’ gia’ domani, nell’incontro organizzato dal premier Mario Draghi sul Recovery Plan, protestino contro questo disegno che, ancora una volta, fa leva sul sentimento anti-imprese locali tipico di certa politica”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin