Recovery Plan, Ance Sicilia: "No al monopolio dei general contractor" :ilSicilia.it

la denuncia dei costruttori

Recovery Plan, Ance Sicilia: “No al monopolio dei general contractor”

di
7 Aprile 2021

I costruttori siciliani denunciano un accordo tra la politica e le lobby del nord sul Recovery Plan fatto sula pelle della Sicilia passando per la figura del general contractor.

“Va bene dare piu’ risorse al Sud, purche’ i benefici siano incassati al Nord, tramite i general contractor, colossi delle costruzioni che ora vedono lo Stato al loro fianco come azionista e finanziatore. Il tutto a scapito delle imprese locali del Mezzogiorno e della Sicilia“, afferma Santo Cutrone, presidente dell’Ance, che si oppone “alla costituzione, di fatto gia’ delineata, di un monopolio dei general contractor del Nord sul mercato delle opere pubbliche al Sud, in particolare in Sicilia, che escluda del tutto le imprese locali dalla possibilita’ di partecipare alle gare d’appalto, proprio ora che, dopo dieci anni di vuoto, da Roma si prospetta almeno il finanziamento della manutenzione della viabilita’ stradale e ferroviaria, voce che darebbe ossigeno alle piccole imprese stremate dalla crisi”.

“Il disegno nazionale – prosegue – sarebbe quello di un Accordo quadro che, con la scusa di fare presto e replicando il ‘modello Genova’, assegni direttamente ai general contractor tutti gli interventi che saranno finanziati con il ‘Recovery Plan’ e anche con le risorse europee della programmazione ordinaria”.

Dunque, ragiona Cutrone, “non solo le grandi infrastrutture strategiche che sono gia’ affidate in lotti di importo troppo elevato per l’imprenditoria locale: i general contractor avrebbero a loro completa disposizione anche tutti gli interventi di manutenzione stradale e ferroviaria. Niente piu’ gare, niente piu’ regole e trasparenza, controlli al minimo indispensabile. Una linea che, ad esempio, ha gia’ trovato corrispondenza nella decisione del governo nazionale di rinviare ancora una volta l’entrata in vigore della direttiva europea Bolkestein, che prevede il ricorso alle gare per l’assegnazione delle concessioni autostradali, e di prorogare al 31 dicembre 2021, per le concessioni che non sono state affidate con gara, la possibilita’ di continuare a gestire in house il 40% della manutenzione della rete autostradale e di affidare con gara a imprese esterne solo il 60% dei lavori“.

“Ci opponiamo ad un chiaro disegno imprenditoriale – dichiara Cutrone – che sta prendendo forma a livello nazionale trovando convergenza politica e istituzionale, ed e’ contro questa operazione che occorre una forte presa di posizione della Regione col sostegno compatto di tutte le forze politiche, di maggioranza e opposizione, nell’interesse comune di salvaguardare il futuro delle imprese locali, dei lavoratori edili e delle loro famiglie. E per questo facciamo appello alla Regione siciliana e alle altre Regioni del Sud affinche’ gia’ domani, nell’incontro organizzato dal premier Mario Draghi sul Recovery Plan, protestino contro questo disegno che, ancora una volta, fa leva sul sentimento anti-imprese locali tipico di certa politica”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin