Recovery Plan, Anci Sicilia: "Governo quantifichi risorse per il Sud" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Recovery Plan, Anci Sicilia: “Governo quantifichi risorse per il Sud”

di
27 Aprile 2021

L’ANCI Sicilia, in sintonia con quello che viene evidenziato da tante realtà  e sindaci meridionali, chiede al Governo nazionale nelle persone della ministra per il Sud e la Coesione territoriale, Mara Carfagna, e della ministra per gli affari regionali e per le autonomie locali, Maria Stella Gelmini, un incontro per  conoscere l’esatto ammontare delle risorse previste  e destinate al Mezzogiorno nel Recovery Plan e per valutare  la ricaduta sui territori  di tale fondamentale intervento finanziario“, questa la dichiarazione di Leoluca Orlando intervenuto ieri pomeriggio al Consiglio regionale dell’Associazione, svoltosi in modalità  digitale.

Ribadiamo, inoltre,  la richiesta di  un rinvio del termine di approvazione del Rendiconto 2020 e del Bilancio di Previsione 2021/2023, ad oggi  fissato  per il prossimo 30 aprile, proroga motivata dalla necessità di conoscere le  provvidenze per i Comuni, annunciate dal Governo nazionale e di porre in essere urgenti interventi in tema di allentamento dei vincoli finanziari per i Comuni. E’ necessario, infatti,  un intervento normativo, che alleggerisca i vincoli nell’applicazione delle regole legate  al Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità (FCDE), al Fondo di garanzia per i debiti commerciali (FGDC), al nuovo Canone Unico Patrimoniale“, aggiunge Orlando.

In merito alla revisione delle norme in materia di personale  e di irrobustimento della capacità della P. A. è necessario mettere gli Enti locali e le imprese del Sud nelle condizioni di operare ad armi pari con gli  omologhi del centro Nord avendo a disposizione le professionalità necessarie a porre in essere tutte le azioni finalizzate a spendere le risorse “, continua.

Chiediamo infine al Governo regionale – conclude il presidente dell’Associazione dei Comuni siciliani – un incontro urgente per definire le partite aperte in tema di   trasferimenti del  Fondo Perequativo e del Fondo Investimenti degli Enti Locali per l’annualità 2020, i cui fondi, assegnati e non ancora accreditati ai Comuni, creano una gravissima crisi di liquidità nelle casse dei Comuni siciliani con effetti drammatici sugli operatori economici dei nostri territori e per affrontare  il tema della crisi del sistema integrato dei rifiuti e della gestione sanitaria della pandemia“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.