Recovery plan, Compagnone: "Governo Draghi a trazione nordista” :ilSicilia.it

La dichiarazione del deputato regionale

Recovery plan, Compagnone: “Governo Draghi a trazione nordista”

di
7 Aprile 2021

Il Movimento per la Nuova Autonomia al fianco di Ance e dei costruttori edili siciliani: “No ad un general contractor per bypassare le aziende del Sud”

Le dichiarazioni del Ministro Roberto Cingolani sul ponte sullo stretto da un lato, e la decisione di procedere con un general contractor per l’appalto dei lavori previsti nel Recovery Plan dall’altro, denotano un totale disinteresse del Governo nazionale nei confronti del Sud e della Sicilia. Ma sia chiaro, noi non staremo a guardare” lo afferma il deputato regionale del Movimento nuova autonomia Pippo Compagnone.

Esprimere perplessità sul ponte di Messina dichiarando un attimo dopo di non aver neanche studiato il progetto denota una contrapposizione tutta ideologica del Ministro della Transizione Ecologia che i Siciliani non possono accettare. E’ ora che il presidente del consiglio Mario Draghi prenda una posizione chiara ed inequivocabile su questo tema. Abbiamo il diritto di capire da che parte sta! Se al fianco dei siciliani o contro di loro, come lascia presupporre anche l’idea di istituire un monopolio di fatto dei general contractor del Nord sul mercato delle poche opere pubbliche perviste per il Sud nel Recovery Plan”, prosegue Compagnone.

Su questo tema siamo pronti a fare le barricate, al fianco di Ance e dei costruttori edili siciliani – conclude Compagnone – la scusa di fare presto non può essere il pretesto per relegare le nostre imprese al ruolo di subappaltatrici a vita. Sembra che ogni scelta fatta da questo Governo, fin dall’inizio, fin dalla scelta di non inserire nessun ministro siciliano, sia fatta per tagliare fuori la Sicilia dall’Italia”.

 

 

 

LEGGI ANCHE:

Recovery Plan, Ance Sicilia: “No al monopolio dei general contractor”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin