Recovery plan, Di Gangi: "Waterloo per il Sud" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Recovery plan, Di Gangi: “Waterloo per il Sud”

di
17 Gennaio 2021

“Il Recovery Plan predisposto dal governo è una assoluta Waterloo per il Sud e per la Sicilia. Ormai è certo: nonostante il bisogno assoluto che il Meridione e, segnatamente, la nostra Isola hanno di infrastrutture all’avanguardia, quasi non vi è traccia di nulla che possa farci mettere alla lontana in pari con il resto d’Italia e d’Europa. Il gap, anzi, pare destinato ad allargarsi. Il Sud è sostanzialmente assente dal piano, la Sicilia ancora di più. Senza Ponte sullo Stretto, con i porti di Catania e Augusta marginalizzati, senza un minimo segno di attenzione da parte del governo nazionale”.

Lo dichiara Salvatore Gangi, presidente del Comitato regionale Piccola Industria di Confindustria in Sicilia.

“Resta a bocca asciutta il Sud, ma anche per il resto d’Italia non sono previste soluzioni mirabolanti. È un piano confuso e pare che vi siano stati trasposti più che altro progetti già in fase di progettazione preliminare. Nei fatti, dunque, non è esagerato affermare come non vi siano investimenti nuovi. Del resto, come spesso accade, è anche e soprattutto un problema di ragioneria generale: mancano i soldi, posto – particolare non da poco sul quale Palazzo Chigi pare non ami indugiare – come quelli del Recovery non possano essere tutti considerati a fondo perduto.

Sempre più la Sicilia sta diventando periferia della periferia, nel silenzio della deputazione che dovrebbe rappresentarci, nel silenzio di una classe politica incapace di far pesare i meriti della nostra pur lodevole e coraggiosa imprenditoria, incapace di far valere le nostre pur solidissime ragioni. Di ceto produttivo, ma anche, prima ancora, di cittadini. Da sempre ritengo gli investimenti infrastrutturali il nodo fondamentale per ridare un futuro dignitoso, specie occupazionale, alla Sicilia, ma bisogna oggettivamente leggere il Recovery Plan per quello che è: l’ennesima (grande) occasione persa per il Sud”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin