Recovery Plan, nasce la rete dei sindaci del Sud. Cicero: "Occorre bypassare le Regioni" :ilSicilia.it

intervista al sindaco di Castelbuono

Recovery Plan, nasce la rete dei sindaci del Sud. Cicero: “Occorre bypassare le Regioni”

di
5 Marzo 2021

Il conto alla rovescia è iniziato. I comuni del Sud Italia hanno poco meno di due mesi per giocarsi la partita della vita. Sul piatto ci sono le risorse del Recovery Plan da destinare al Meridione. Scadenza: 30 aprile poi, il documento esitato dal Parlamento, dovrà essere presentato a Bruxelles.

Fra le pieghe di quelli che saranno gli obiettivi, le riforme e gli investimenti che l’Italia vorrà  realizzare con i fondi europei di Next Generation EU, si capirà se verranno ripensati i rapporti tra Nord e Sud, se la politica dimostrerà di essere in grado o meno di ricompattare un Paese sconvolto dalla pandemia.

A serpeggiare, l’idea gattopardesca che tutto sia pronto a cambiare affinchè tutto resti come sempre è stato.

Così, mentre il neo Governo Draghi si impegna a riscrivere il PNRR-Piano nazionale Ripresa e Resilienza, incuriosisce l’iniziativa di alcuni sindaci nata solo 15 giorni fa.

Il coordinamento spontaneo conta al momento oltre 135 adesioni di cui una cinquantina solo in Sicilia  e ha consegnato ufficialmente al presidente della I Commissione Affari costituzionali della Camera, Giuseppe Brescia, il documento intitolato “Le proposte della Rete dei Sindaci Recovery Sud”.

Le intenzioni del coordinamento, sarebbero quelle di dare una “risposta istituzionale alla grave crisi di rappresentanza del Sud”. La stoccata fa riferimento all’inefficienza di alcuni apparati burocratici dello Stato, Regioni in primis.

Il timore di molti Enti Locali è di assistere a una lenta e preannunciata “condanna a morte” del Mezzogiorno. Il nocciolo della questione è evidente. Ci si chiede insomma come un “carrozzone” possa trasformarsi dall’oggi al domani in una Ferrari e competere nella corsa al rilancio del Sud.

Nel tentativo di fare bene e presto, i primi cittadini hanno dunque deciso di chiedere un confronto urgente al Governo perché prenda in seria considerazione una serie di proposte per il PNRR, a cominciare dal varo di un “SOUTH NEW DEAL”, ovvero un PIANO STRAORDINARIO DI ASSUNZIONI che destini ai Comuni meridionali risorse (ben superiori alla quota del 33%  prevista), che possano contribuire a un decisivo cambio di passo ma a partire dai territori.

Promotore dell’iniziativa in Sicilia, è il sindaco di Castelbuono (Pa), Mario Cicero che ribadisce la necessità di bypassare le Regioni. Storicamente impreparate a spendere bene e velocemente e mette in dubbio, incapaci di svolgere un ruolo da protagoniste nella concertazione nei tavoli istituzionali, le Regioni sarebbero insomma delle zavorre. Nessuno scontro e nessun capro espiatorio in particolare ma il coraggio di riconoscere i limiti di un sistema che non può sprecare questa occasione più unica che rara.

Oltre al danno – dice Cicero – rischiamo la beffa. Mentre l’Europa mette in campo risorse per appiattire le disuguaglianze, c’è chi lavora per aumentarle“.  Nel mirino degli amministratori comunali, finiscono anche le associazioni dei Comuni, prima fra tutte, l’Anci nazionale. Per Cicero, l’associazione guidata dal sindaco di Bari Antonio De Caro, sarebbe più interessata alle istanze del Nord relegando il Meridione a un ruolo marginale, di serie B. Per questo, dalla Puglia al Molise, fino alla Basilicata, la Campania e la Sicilia, i sindaci  hanno deciso di auto organizzarsi e di portare direttamente le esigenze reali dei Comuni al Parlamento nazionale.

Altro discorso per l’Anci Sicilia che secondo Cicero dovrebbe svolgere un altro ruolo, quello di cabina di regia  tra territori e rappresentanti di categorie e avere più potere sia, all’interno di Anci nazionale che più in generale sui tavoli istituzionali regionali e statali.

Resta il nodo del personale ancora carente all’interno degli uffici comunali e che tuttavia sarebbe fondamentale per sbloccare risorse e progetti destinati così a restare fermi al palo.

Lo scenario – continua Cicero – che si andrebbe a delineare vedrebbe miliardi di euro in circolazione senza geometri, segretari e capi uffici tecnici in grado di spendere e accompagnare queste procedure. Chiediamo allo Stato di rinnovare l’apparato burocratico con risorse umane all’altezza delle opere pubbliche e i servizi da offrire al cittadino, senza costruire cattedrali nel deserto

Insomma, tutto ruota attorno al ruolo dei territori. La nuova lobby della Rete dei Sindaci del Recovery Sud servirà anche a dare un volto nuovo agli Enti Locali, a promuovere linee di investimento chiare, maggiori responsabilità ma al tempo stesso maggiori riconoscimenti come già accaduto più volte con i comuni delle Madonie. I progetti esecutivi non mancano e se le promesse per finanziare le infrastrutture verranno mantenute, a Castelbuono, ricorda il sindaco, vedrà la rete idrica comunale, la riapertura di un impianto compostaggio per rifiuti, sulle sorgenti e la depurazione. Non ultima la questione sanitaria. Bisognerà investire sui medici, sulla medicina territoriale, sugli ospedali comprensoriali. Non si può pensare di investire, ad esempio sul turismo se l’ospedale più vicino è a 60 km e la viabilità è un disastro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin