Recovery Plan, protesta dei sindaci del Sud il 25 aprile. E intanto occupano le aule consiliari :ilSicilia.it

Il 25 aprile 500 sindaci del Sud a Napoli per protestare

Recovery Plan, protesta dei sindaci del Sud il 25 aprile. E intanto occupano le aule consiliari

di
21 Aprile 2021

Il giorno 25 aprile 500 sindaci del Sud, in delegazione per non creare assembramenti, e che hanno deciso di aderire alla Rete “Recovery Sud“, manifesteranno a Napoli, a piazza Plebiscito, per onorare il giorno del settantaseiesimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo ma anche e soprattutto per protestare contro l’iniqua distribuzione delle risorse del “Recovery Plan“.

Infatti, non sarebbero stati rispettati i criteri di distribuzione delle finanze stabiliti dall’Unione Europea. Anche il ministro del Sud, Mara Carfagna, ha sottolineato che se si fossero seguiti i criteri europei, al Mezzogiorno sarebbero spettati più del 60% delle risorse messe a disposizione. Invece attualmente solo il 40% del totale sarà indirizzato al Sud, oltretutto con il benestare dell’ANCI.

La manifestazione di Napoli del 25 aprile, città simbolo del Sud, nasce dall’insoddisfazione degli amministratori meridionali, privati di finanziamenti fondamentali per la tenuta socio-economica dei propri territori. Infatti, lo stesso giorno, sempre a piazza Plebiscito, verrà anche organizzato un flash mob, che inizierà alle 12.00 e nel quale la delegazione dei 500 sindaci indosserà la fascia tricolore, con lo scopo di riaffermare il valore della coesione nazionale e dell’equa distribuzione delle risorse. Un modo per cercare di ridurre in qualche misura il divario storico tra Nord e Sud del Paese e rivendicare i propri diritti.

Inoltre, la delegazione consegnerà al Prefetto di Napoli un documento congiunto, contenente le proposte formulate dai sindaci e da indirizzare al presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi, nel quale verrà richiesta una rimodulazione della distribuzione delle risorse.

In questo contesto, alcuni sindaci siciliani si stanno mobilitando con tempestività, promuovendo una protesta, tutta siciliana, contro la mancanza d’osservazione dei criteri Ue nell’elargizione delle risorse del “Recovery Plan”. Un dissenso che sarà espresso attraverso l’occupazione della sala consiliare del proprio comune da parte di ogni sindaco che aderirà all’iniziativa. In particolar modo, questa aperta contestazione siciliana dovrebbe prendere le mosse questo pomeriggio per protrarsi anche nella giornata di domani 22 aprile, con una diretta facebook prevista per le ore 17.00.

Non si stanno rispettando i parametri europei perché le lobby economiche e finanziarie del Nord – dichiara il sindaco di Castelbuono Mario Cicerostanno facendo pressione, e non è la prima volta, per poter rubare questi soldi al Mezzogiorno. C’è il silenzio assordante dell’Anci, che è l’associazione nazionale dei comuni d’Italia, il silenzio assordante dei senatori e dei deputati del Mezzogiorno d’Italia, ad eccezione di qualcuno. Ma i partiti non stanno facendo niente”.

I centri di potereprosegue il sindaco -sono a Milano, Roma a Torino, non sono né a Palermo, né a Napoli. La cosa drammatica è che la politica si è piegata a questa logica degli interessi e delle lobby. E non abbiamo una classe politica all’altezza, sia a livello regionale sia al Senato e alla Camera. Se i senatori e i deputati nazionali del Sud Italia prendessero coscienza di quello che sta accadendo, potrebbero mettere in crisi il Governo domani mattina. Perché è una cosa assurda che non si mantengano gli impegni della Commissione europea che pianifica in un certo modo e poi, invece, in Italia ci rubano i soldi“.

Abbiamo indirizzato una lettera -ricorda Cicero – al presidente della Commissione europea, sperando che ci risponda. Un’altra al presidente della Repubblica e mi dispiacerebbe se non dovesse rispondere perché in quel caso c’incazzeremmo. Poi stiamo organizzando questa manifestazione a Napoli il giorno 25 aprile. E io stasera occuperò l’aula consiliare del mio Comune perché voglio alzare lo scontro. Noi ci stiamo mobilitando ma possiamo mobilitarci con le vie legali, non possiamo prendere né i forconi, né i mitra e andare a Roma a fare la rivoluzione. C’è una logica feudale, una logica aberrante, umiliante di come veniamo trattati. I sindacati e le associazioni di categoria non stanno facendo niente. La logica è filo nordista. Le lobby economiche sono lì”

Di fronte a questo generale immobilismo risulta davvero difficile cercare di sanare o per lo meno ridurre il divario Nord-Sud che storicamente ha caratterizzato e continua a caratterizzare le vicende dell’Italia unita. Infatti, il sindaco di Castelbuono sottolinea che “Il finanziamento della Commissione europea nasce proprio per questo. La Comunità europea stanzia 2o0 miliardi di euro per superare il divario. Ma c’è questo furto. In Sicilia alcune opere strategiche come, per esempio, la linea ferrata che avrebbe dovuto collegare Palermo-Messina-Catania salterà e si farà soltanto la Palermo-Catania. Stanno rubando per l’ennesima volta la Sicilia“.

Quindi un immobilismo preoccupante che si registra a più livelli. Probabilmente, molti di coloro che dovrebbe difendere gli interessi del Meridione non fanno fino in fondo il proprio dovere. “Le Organizzazioni di categoriatiene a rimarcare il sindaco di Castelbuono -, i sindacati, l’Anci, i sindaci delle città metropolitane della Sicilia non stanno facendo niente. Hanno l’obbligo morale di difendere la Sicilia. Confindustria, la CNA, la Confesercenti, la Confcommercio, la Coldiretti. Cosa stanno facendo su questo argomento? Niente, c’è il silenzio totale. Ci stiamo muovendo noi sindaci e la Conferenza episcopale. I vescovi sono con noi“.

Noi auspichiamo – conclude Cicero, guardando all’immediato futuro -che il Governo nazionale riveda questa ridistribuzione delle somme e ci dia il dovuto. Non dico il 68% ma magari il 60%. Parliamo di altri 60 miliardi di euro che si stanno rubando per portarli al Nord. Sono dei ladri. Ci spetterebbe di diritto il 68% della somma, secondo quanto stabilito dalla Comunità europea, invece, ci arriverà il 40%“.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.