Recovery plan, sindaci dell’Agrigentino ricevuti dalle ministre Gelmini e Carfagna :ilSicilia.it
Agrigento

Il sit-in a Palazzo Chigi

Recovery plan, sindaci dell’Agrigentino ricevuti dalle ministre Gelmini e Carfagna | FOTO

di
28 Aprile 2021

GUARDA LE FOTO IN ALTO

I fondi del Recovery plan non sono stati completamente calati nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ci sono ancora ulteriori risorse disponibili utilizzabili proprio per l‘ammodernamento infrastrutturale viario delle zone che più ne hanno bisogno.

È stato questo l’impegno assunto dalle ministre per il Sud Mara Carfagna e per gli Affari regionali Mariastella Gelmini, che nel pomeriggio hanno incontrato i 25 sindaci agrigentini che stamattina avevano inscenato una manifestazione di protesta,
fuori da Palazzo Chigi contro l’assenza di investimenti infrastrutturali per la loro provincia all’interno del Pnrr appena varato dal governo Draghi.

Sul Recovery Plan, si sono espressi il commissario provinciale di Forza Italia Agrigento e il sindaco di Montevago Margherita La Rocca Ruvolo, a margine della giornata romana che l’ha vista impegnata con i sindaci dell’Agrigentino in un sit-in davanti Palazzo Chigi e poi l’incontro con le ministre per gli Affari regionali e per le Pari opportunità.

Oggi, con i sindaci dell’Agrigentino, abbiamo avuto la possibilità di esporre la nostra preoccupazione alle ministre Mariastella Gelmini e Mara Carfagna per aver visto la nostra provincia sostanzialmente esclusa dagli investimenti del Recovery plan per il miglioramento infrastrutturale. Abbiamo ricevuto attenzione e assicurazioni, le ministre hanno preso un impegno e nei prossimi giorni avremo riscontro”, hanno dichiarato il commissario provinciale azzurro e il sindaco di Montevago.

Abbiamo preso atto – ha detto il sindaco di Ribera Matteo Ruvolodegli ulteriori nuovi impegni assunti, anche se è
evidente che sulla progettualità delle opere da realizzare avremo bisogno della massima e tempestiva collaborazione da parte della Regione Siciliana”.

Il sindaco di Sciacca Francesca Valenti ha aggiunto come “solo attraverso le azioni dimostrative, come quella di oggi, siamo
potuti riuscire ad ottenere attenzione da parte della politica di Roma, e questo la dice lunga sulla distanza tra il governo centrale e la periferia, a partire da quella che sconta i problemi più gravi, come la provincia di Agrigento”.

Il deputato dell’Ars Michele Catanzaro, intanto, ha impegnato la segreteria nazionale del Partito Democratico ad affrontare il tema degli interventi per il Sud e le aree più in difficoltà della provincia di Agrigento all’interno del Recovery plan, insistendo ancora una volta sulla necessità di una programmazione per la chiusura dell’anello autostradale attraverso la realizzazione dell’unico tratto tuttora mancante, ovverosia la Gela-Castelvetrano. 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.