Recovery se è vero :ilSicilia.it

la riflessione

Recovery se è vero

di
12 Febbraio 2021

Da molte parti si sostiene, non senza ragione, che nella “svolta” europeista di Matteo Salvini e nel sostegno incondizionato al presidente Draghi perché formi il nuovo governo, abbia giocato un ruolo decisivo l’ex sottosegretario alla presidenza Giancarlo Giorgetti.

Egli, infatti, si è fatto interprete delle sollecitazioni che provenivano da quella parte del paese dove si produce la maggiore ricchezza con un apparato produttivo e il sistema della piccola e media impresa capaci di creare occupazione e competere nei mercati e oggi stremata dalla crisi a causa della pandemia.

In tal senso si sono mosse anche le Regioni del Nord con in testa il governatore del Veneto Luca Zaia, la Confindustria, la più critica delle associazioni d’impresa nei confronti del governo precedente presieduto da Conte, e ora pronti a sostenere Draghi. Tutti animati dalla vecchia idea, in verità rivelatasi infondata, che se riparte il Nord riparte il Paese.

Essi hanno capito che con il ricorso alle elezioni anticipate vi era il pericolo reale di perdere la grande occasione messa a disposizione dall’Europa con le rilevanti risorse del Recovery Fund per consentire il rilancio dell’economia e la possibilità concreta di tornare a crescere. E’ Il Nord che si sta organizzando in una strategica alleanza tra istituzioni, mondo dell’impresa e mondo del lavoro.

E il Sud, e la Sicilia? Il pericolo che il Recovery rafforzi ancora il Nord, più attrezzato, con maggiore capacità di spesa, con strutture amministrative più efficienti e accresca così il divario territoriale, non è da sottovalutare.

In Sicilia non vi è stato alcun dibattito su un tema così rilevante, nessun confronto tra diverse idee e proposte. Nessuna consultazione delle associazioni d’impresa e dei sindacati. Non sono state coinvolte le competenze di cui la Sicilia dispone nel mondo delle imprese e delle università. Non risulta nessun impegnato dibattito all’Assemblea regionale.

La Regione ha inviato il suo piano al governo nazionale, dalle infrastrutture, a parte il solito Ponte sullo Stretto, utili per ridurre il gap con il Nord e creare in breve tempo lavoro in un settore falcidiato dalla crisi.

Proposte interessanti sul piano dell’innovazione, dall’ambiente alla digitalizzazione, che s’intrecciano con opere stravaganti. Sembra quasi una sommatoria di diverse esigenze sollecitate dai partiti, dagli assessori e dai territori, messe in fila come a non volere dispiacere nessuno.

Da questo programma, infatti, non emerge un’idea di sviluppo, un progetto di crescita cui collegare e potenziare settori e strutture. Quello che si chiama progetto integrato di sviluppo su cui concentrare tutte le risorse finanziarie disponibili. Dal solo Recovery Fund si parla per la Sicilia di una somma che si aggira sui 26 milioni di euro.

E qui emerge l’altro nodo fondamentale, poiché come spiegava un ottimo presidente della Regione, quale fu Rino Nicolosi, occorre distinguere tra ciò che è programma e ciò che è gestione.

Ecco perché è importante che la Regione adotti un progetto integrato di sviluppo, uno strumento che attraverso la gestione, il coordinamento e il controllo dei vari interventi attraverso i quali il progetto si articola e si attua. Si potrà così beneficiare di effetti di “sinergia” non acquisibili attraverso singoli interventi concepiti e realizzati al di fuori di un’organica azione che solo il progetto integrato può assicurare.

A tal fine occorre pensare strumenti attuativi inediti come la creazione di agenzia per lo sviluppo che aggreghi le migliori competenze manageriali e finanziarie interne e soprattutto esterne alla pubblica amministrazione e si adottino procedure snelle che, garantendo trasparenza e legalità, superi l’incapacità di spesa della Regione e la carenza strutturale della Pubblica amministrazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin