Redatto il piano regolatore. Orlando: "Palermo una città bioecologica proiettata nel 2030" :ilSicilia.it
Palermo

disappunto di Giulia Argiroffi

Redatto il piano regolatore. Orlando: “Palermo una città bioecologica proiettata nel 2030”

di
29 Novembre 2019

Il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore all’urbanistica, Giusto Catania, si sono recati presso gli uffici della Fiera del Mediterraneo, dove i tecnici dell’ufficio del Piano regolatore hanno concluso il lavoro di redazione dello strumento urbanistico che, lunedì, sarà inviato al Genio civile per il parere obbligatorio. Orlando ha espresso il proprio apprezzamento per il lavoro svolto dai tecnici comunali.

“E’ stato un iter lungo, ma la redazione di uno strumento urbanistico in una scala di dettaglio 1/2000 merita attenzione basterebbe il numero delle tavole stampate, quasi 600, per dimostrare la mole di lavoro”, dichiara Giusto Catania, che aggiunge: “Adesso attendiamo che il piano acquisisca, entro sessanta giorni, il parere del Genio civile e finalmente comincerà la fase di partecipazione democratica che porterà lo strumento urbanistico all’ordine del giorno del Consiglio comunale“.

“Il Piano regolatore è perfettamente in linea con gli indirizzi espressi dal Consiglio comunale – sottolinea il sindaco Orlando -, infatti, con l’approvazione dello schema di massima si è evidenziata la volontà politica di costruire una ”città bioecologica” proiettata nel 2030 e caratterizzata da consumo zero di suolo”.  

Subito dopo l’invio della variante generale del Piano regolatore l’ufficio procederà alla definizione della relazione e alla stampa delle planimetrie del Piano particolareggiato esecutivo del centro storico che, nelle prossime settimane, saranno anch’esse inviate al Genio civile.

Scettiscismo, invece, da parte dell’opposizione. Ad entrare nel merito della vicenda è Giulia Argiroffi, consigliere appartenente al Gruppo Misto, che dichiara: ”per il Piano regolatore non c’è nulla da festeggiare. Ad oscurare la festa rimangono quasi tre anni di ritardo e otto di scadenze disattese (oltre ad una misteriosa consegna all’assessore Arcuri nel 2018) mai spiegati, nonostante numerose legittime richieste di chiarimenti.
E che oggi, a 60 anni esatti dell’evento che ha inaugurato il Sacco, la demolizione di Villa Deliella, ci si possa vantare di un percorso che ha voluto fin qua negare ogni forma di garanzia di qualità, di trasparenza e condivisione, è paradossale. Il Piano regolatore rimane indelebilmente segnato da negazione di garanzie, altro che festa”.

“Noi pretendiamo – conclude la Argiroffi– anche oggi le giustificazione dettagliate ai ritardi e attendiamo di valutare nel merito, davanti alla documentazione e, statene certi, non faremo sconti di nessun tipo”.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro