Reddito di Cittadinanza, a Catania via agli inserimenti nei lavori di utilità collettiva :ilSicilia.it
Catania

LO ANNUNCIA L'ASSESSORE Giuseppe Lombardo

Reddito di Cittadinanza, a Catania via agli inserimenti nei lavori di utilità collettiva

di
10 Ottobre 2020

Il Comune di Catania ha avviato, ancora prima del lockdown, le procedure indicate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, attraverso la piattaforma GEPI, al fine di sostenere i beneficiari del Reddito di Cittadinanza al percorso di inserimento lavorativo e di inclusione attraverso la sottoscrizione del Patto di Inclusione Sociale.

Lo rende noto l’assessore alle politiche sociali Giuseppe Lombardo, spiegando che in una Conferenza dei Servizi Comunali di febbraio le singole Direzioni hanno elaborato una pluralità di progetti di utilità collettiva, in ambito sociale, culturale, artistico e ambientale. I singoli elaborati sono stati inseriti in piattaforma, con le specifiche attività da avviare, compatibili con le competenze e/o capacità richieste a ciascun soggetto titolare del beneficio economico. Un lavoro che ha subito inevitabili rallentamenti per via della Pandemia che ha visto funzionari e assistenti sociali, impegnati nelle valutazioni emergenziali dell’assegnazione dei Buoni Spesa, con quasi ventimila domande complessivamente istruite.

La finalità dei PUC  – spiega Lombardo – è innanzitutto la possibilità offerta al destinatario del RdC di avere opportunità inclusive per la fuoriuscita dalla marginalità che lo faccia sentire parte attiva della collettività cittadina, oltre naturalmente al contributo lavorativo offerto. Secondo le nostre stime i primi inserimenti lavorativi potremo farli a già a fine novembre considerata la grande mole di persone con cui imbastire dei colloqui che avvieremo entro pochi giorni. In totale secondo stime non esaustive contiamo di poter inserire al lavoro poco meno di di un migliaio di cittadini”.

Grazie alla rimodulazione del PON Inclusione, validata solo venti giorni fa e alle recentissime nuove disposizioni del Ministero che consente di acquistare i dispositivi di protezione individuale per fare i colloqui con i percettore del reddito di cittadinanza, consentendo di calendarizzare gli appuntamenti con i nuclei già individuati in piattaforma ed avviare i percorsi lavorativi e/o di inclusione.

Il Servizio Sociale Professionale, a cui è rimessa in via esclusiva la competenza alle valutazioni, in forza presso la Direzione Famiglia e Politiche Sociali, dovrà ora solo operare un corretto apprezzamento dei soggetti, con procedura informatica, per l’abbinamento al progetto più idoneo, per un celere inserimento nelle attività lavorative di utilità collettiva.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

Il Lupo perde il pelo ma non il vizio

Dov’è finito quel Giuseppe Lupo che da segretario provinciale della Cisl di Palermo, con pacatezza, riusciva a districarsi tra le vertenze più scabrose al tempo in cui rivestiva questo prestigioso incarico?
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.