11 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.41
Palermo

I CARABINIERI DENUNCIANO 30ENNE

Reddito di cittadinanza: scoperto un altro “furbetto” a Palermo, lavorava in nero

27 Giugno 2019

Un altro furbetto del reddito di cittadinanza è stato scoperto dai carabinieri della compagnia San Lorenzo a Palermo.

I militari dopo una verifica insieme ai loro colleghi del nucleo ispettorato del lavoro hanno denunciato un palermitano di 30 anni. Nel corso di un controllo in un condominio in via dell’Arsenale, lo hanno sorpreso a lavorare in nero per una ditta di pulizie anche se aveva già percepito il “Reddito di cittadinanza” e gli era già stata corrisposta la somma di 500 euro.

All’amministratrice dell’impresa, sorella del giovane, sono state elevate sanzioni per 17.200 euro. La carta acquisti per il reddito di cittadinanza è stata sequestrata.

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, furbetti del reddito di cittadinanza: “Prendeva soldi mentre il marito lavorava in nero”

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.