Reddito di cittadinanza, Sicilia prima per domande presentate :ilSicilia.it

I numeri delle province

Reddito di cittadinanza, Sicilia prima per domande presentate

di
7 Marzo 2019

La Sicilia prima regione d’Italia per numero di domande presentate nel primo giorno utile per ottenere il reddito di cittadinanza, con circa 900 richieste di accesso. Questo il dato che emerge dopo il via libera per ottenere la misura assistenziale, scattato il 6 marzo, almeno secondo i dati in possesso dei Caf della Cisl. Da registrare il fatto che non sono state registrate code negli uffici, come paventato da più parti.

In particolare, i numeri del reddito di cittadinanza, provincia per provincia, vedono Palermo in testa con 317 domande, poi Messina con 116, Trapani con 103, Caltanissetta con 65, Catania e Siracusa a quota 57, Ragusa a 44, Enna a 38 e Agrigento a quota 24.

Vediamo nel dettaglio, invece, la ‘classifica’ delle regioni: gli operatori del Caf Cisl hanno assistito Sicilia oltre 900 persone che hanno presentato la domanda domande. A seguire, la Calabria con circa 500. Poi la Puglia, con 400 domande, e ancora, a pari merito, la Campania e il Lazio a quota 300.

Dalla Uil Sicilia, invece, arrivano i dati del solo Palermitano, dove gli uffici sono 44 in tutto. Maurizio Corso, direttore del Caf Uil Sicilia, spiega: “Abbiamo caricato 189 pratiche. Contiamo di chiudere a 250. Gli sportelli nei quartieri popolari sono stati quelli che hanno avuto più affluenza – prosegue –, come la sede centrale di via Ximenes a Borgo vecchio“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.