Reddito di inclusione: dal primo luglio cambiano le regole. Tornano in gioco le pratiche respinte :ilSicilia.it
Palermo

Sarà sufficiente presentare l'Isee

Reddito di inclusione: dal primo luglio cambiano le regole. Tornano in gioco le pratiche respinte

di
3 Giugno 2018

Cambiano le regole per richiedere il Rei, Reddito di Inclusione, infatti, dal primo luglio di quest’anno dovrebbero decadere i numerosi requisiti richiesti per ottenere il bonus economico, messo in campo dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

Ricordiamo, infatti, che prima era necessario avere un Isee non superiore ai seimila euro e un patrimonio immobiliare, esclusa la prima casa, non superiore ai ventimila euro veniva, inoltre, data precedenza alle famiglie con figli minorenni o disabili, donne in gravidanza e disoccupati con età superiore ai 55 anni.

Dal primo luglio, invece, dovrebbe essere necessario solo l’Isee, che comunque non dovrà superare il valore di seimila euro annui.

A Palermo, nonostante i numerosi requisiti, lo scorso novembre, in una sola settimana gli uffici del Comune registrarono più di settemila richieste, per accedere al sussidio economico, che va dai 200 a i 500 euro al mese.

Ad oggi circa tremila richieste sono state respinte dall’Inps, che rimane l’ente che si occupa di valutare i requisiti e di erogare, eventualmente, il bonus. L’Inps ha però precisato che, con l’entrata in vigore del nuovo regolamento, tutte le domande presentate da gennaio 2018 al 31 maggio 2018 rifiutate, per la sola mancanza dei requisiti familiari, entrano nuovamente in gioco.

In base al nuovo Rei, fa sapere il Ministero che “Il nucleo familiare di riferimento per il calcolo dell’Isee non coincide necessariamente con la famiglia anagrafica, salvo casi particolari, la normativa prevede infatti che i coniugi fanno parte dello stesso nucleo anche se con diversa residenza anagrafica”.

Per i figli, i minori di 18 anni fanno parte del nucleo del genitore con il quale convivono, mentre i figli maggiorenni, se non sono sposati e non hanno figli, fanno parte del nucleo familiare dei genitori anche se non vivono sotto lo stesso tetto, ma risultano ancora fiscalmente a carico dei genitori. “A tal fine – spiegano dal Ministero – i figli maggiorenni sono considerati fiscalmente a carico se hanno redditi non superiori alla soglia di euro 2840,51, al lordo degli oneri deducibili”.

Ma il programma Rei dovrebbe prevedere anche una parte socio assistenziale, attraverso l’attivazione di una serie di servizi a supporto delle famiglie richiedenti:  come borse lavoro, servizi educativi domiciliari e supporto per la formazione professionale.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin