Referendum, la dura vita degli scrutatori: obbligo di mascherina per 16 ore di fila :ilSicilia.it

il voto del 20 e 21 settembre

Referendum, la dura vita degli scrutatori: obbligo di mascherina per 16 ore di fila

di
15 Settembre 2020

A pochi giorni dal Referendum sul “taglio dei parlamentari” (20 e 21 settembre) non mancano le polemiche sulla gestione sanitaria e il rischio contagio, potenzialmente alto, cui saranno sottoposti presidenti di seggio e scrutatori.

In Sicilia la Regione ha messo ha punto un rigido vademecum di regole da seguire durante le operazioni di voto: oltre all’obbligo di mascherina, “al momento dell’accesso al seggio l’elettore dovrà procedere all’igienizzazione delle mani con gel idroalcolico messo a disposizione in prossimità della porta. Quindi l’elettore, dopo essersi avvicinato ai componenti del seggio per l’identificazione e prima di ricevere la scheda e la matita, provvederà a igienizzarsi nuovamente le mani. Completate le operazioni di voto, è consigliata una ulteriore detersione delle mani prima di lasciare il seggio”.

Ma non basta. Sarà ancora più dura la vita degli scrutatori, costretti all’interno del seggio con obbligo di mascherina per oltre 16 ore la domenica (si vota dalle 7 alle 23) e per almeno altre 8 ore il lunedì 21 settembre (si vota dalle ore 7 alle ore 15). Questo solo per le operazioni di voto.

Ma è chiaro che, per chi è stato sorteggiato come scrutatore, l’attività inizierà il sabato pomeriggio (19 settembre) per la preparazione dei seggi e delle schede. Insomma, si chiede di lavorare tre giorni consecutivi, per pochi euro, e con una mascherina costantemente indossata.

Certo, non mancheranno momenti di pausa o alternanze di turno. Ma le prime elezioni con la pandemia da Covid-19 saranno certamente le più difficili per la paura di contagio e la difficoltà a respirare con indosso una mascherina per tutte queste ore consecutive.

Non mancheranno di certo i casi di forfait dell’ultimo minuto.

Si ricorda però che, ai sensi dell”art. 108 del T.U.361/57, “coloro i quali senza giustificato motivo rifiutino l’incarico o non si presentino all’atto dell’insediamento del seggio saranno puniti con una multa da 309,87 a 516,46 euro“.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin