Reflui nel depuratore di Carini: i sindaci vogliono incontrare l'Ati :ilSicilia.it
Palermo

rigettata l'ipotesi di rolle

Reflui nel depuratore di Carini: i sindaci vogliono incontrare l’Ati

di
25 Gennaio 2019

I sindaci di Carini, Monteleone, Capaci, Puccio, Isola delle Femmine, Bologna, e Torretta, Gambino, hanno inviato una nota al presidente dell’Ati Idrico Leoluca Orlando con la quale ribadiscono le perplessità del Comune di Carini e dei Comuni del comprensorio che usufruiscono dell’impianto di trattamento dei reflui di Carini, sulla soluzione proposta da Enrico Rolle.

Il Commissario Straordinario Unico per il coordinamento e la realizzazione degli interventi di collettamento, fognatura e depurazione delle acque reflue urbane, ha avanzato l’ipotesi di convogliare i reflui dei comuni di Cinisi e Terrasini presso il depuratore consortile di Carini anche alla luce di quanto rappresentato dal Commissario Unico nella nota U-CU0087 del 22/01/2019 sulla futura gestione dell’impianto che dovrà essere attuata da un unico gestore.

Pertanto, per spiegare le gravi perplessità sulla realizzazione del progetto, già rappresentate nella relazione redatta dai tecnici dei comuni di Carini, Torretta, Capaci e Isola delle Femmine con nota prot. 61149 del 14/11/2018, i sindaci hanno rinnovato la richiesta di una convocazione dell’Assemblea Territoriale Idrica e un incontro con il Consiglio Direttivo dell’Ati.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin