20 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.57

Regionali, che vinca il centrodestra o il centrosinistra è difficile che avvenga un cambiamento

11 Settembre 2017

Ormai le candidature del centro sinistra e centro destra sembrano completate, perlomeno a livello di presidenza e vicepresidenza. Intanto va segnalato un elemento importante: la necessità da parte dei partiti di rivolgersi a professionisti affermati per essere credibili! I vari Micari, Armao, La Via, Lagalla sono tutti docenti universitari affermati, che hanno un curriculum di tutto rispetto nella vita accademica e professionale.

Pare che la competizione avverrà tra questi due poli e che i cinque stelle abbiano meno possibilità di vincere.  Nel caso in cui arrivasse a vincere Cancellieri sarebbe estremamente complesso immaginare una tale rivoluzione cosa potrebbe portare.

Ma supponiamo che vinca uno dei due raggruppamenti. La speranza è che Musumeci-Armao- La Galla- o Micari -La Via possano rivoluzionare il Governo della Regione e portare quella ventata di cambiamento necessario.

Pietro Busetta

Invece io penso che in ogni caso, vinca l’uno o l’altro, tutto questo sarà difficile che avvenga per diversi motivi:

A) a livello di visione ancora non è chiaro, anche a loro, quali sono le reali esigenze della Sicilia. I conti con i numeri non mi pare li abbiano ancora fatti. Cinque milioni di abitanti, 1.350.000 occupati compresi i sommersi, esigenza di saldo occupazionale 900.000 posti di lavoro per andare allo stesso rapporto dell’Emilia Romagna! Si parla di tutto e di più , start Up, agricoltura, turismo beni culturali ,ma poco di attrazione di investimenti dall’esterno dell’area e delle condizioni e degli strumenti perché ciò avvenga !

Certo siamo ancora all’inizio, anche se il buongiorno si vede dal mattino;

B) i raggruppamenti articolati che sostengono le due coalizioni, a vittoria avvenuta, vorranno pagato il conto. Che non prevede che tali eccellenze accademiche o politiche si occupino di sviluppo ma che soddisfino le clientele che li hanno supportati. I vari Romano, Micciché, Meloni, Cascio da un lato e Orlando, Cardinale, Crocetta/Lumia Faraone, Ferrandelli dall’altro chiederanno che le richieste della propria base, in genere raggruppamenti organizzati, macchine da guerra nell’organizzazione del consenso, oltre che quelle personali, vengano soddisfatte. A maggior ragione considerate le elezioni nazionali vicine e quindi la forza di pressione posseduta.

Malgrado la volontà e gli sforzi che potranno e vorranno fare si troveranno richieste precise per continuare la salvaguardia delle rendite di posizione acquisite e che difficilmente si vorranno perdere. Quindi i protetti rimarranno tali ed i disperati continueranno ad emigrare.

Il Governo centrale, d’altra parte non potrà non fare i conti con le esigenze di bilancio e di debito pubblico, per cui grandi risorse per alta velocità, infrastrutture o politiche fiscali differenziate, Ponte sullo Stretto non potranno essere disponibili per la Sicilia. Purtroppo il processo di cambiamento non può avvenire dal vertice ma deve cominciare dalla base. E non mi pare che la base abbia conseguito la maturità per pensare al bene comune piuttosto che ai vantaggi personali.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.