14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.48

Soddisfazione da parte di tutte le sigle

Regionali, fumata bianca Aran-sindacati: approvato il nuovo contratto di lavoro

10 Maggio 2019

Via libera definitiva al nuovo Contratto collettivo regionale di lavoro dei dipendenti della Regione Siciliana. Nella riunione del 9 maggio all’Aran Sicilia il presidente Accursio Gallo e le organizzazioni sindacali hanno firmato il testo del nuovo contratto, così come modificato dopo le indicazioni della Corte dei conti.

Grazie all’incessante lavoro di contrattazione dei sindacati e alla collaborazione dei vertici dell’Aran Sicilia abbiamo ottenuto uno dei migliori risultati possibili“, dicono Gaetano Agliozzo e Franco Campagna, segretario generale e coordinatore regionale della Fp Cgil Sicilia, Paolo Montera e Fabrizio Lercara, segretario generale e segretario regionale della Cisl Fp Sicilia, Enzo Tango e Luca Crimi, per la Uil Fpl Sicilia, e Gianni Borrelli, della Uil Sicilia.

Usciamo dalla sede di via Trinacria con un impegno preciso del presidente Gallo che, su nostra precisa richiesta – proseguono i sindacalisti – ha assicurato che già nei prossimi giorni, e con la massima urgenza, convocherà e farà insediare formalmente la Commissione paritetica, a cui toccherà il compito di occuparsi della riclassificazione di tutto il personale della pubblica amministrazione regionale. Un passaggio fondamentale che non può più essere rimandato, perché i lavoratori della pubblica amministrazione regionale aspettano da troppo tempo risposte a cui hanno diritto“.

I sindacati, infine, hanno chiesto che vengano effettuati tempestivamente tutti gli adempimenti per l’immediata corresponsione degli aumenti del trattamento economico fondamentale e la liquidazione degli arretrati. Ciò allo scopo di scongiurare il rischio di ulteriori ritardi “che potrebbero compromettere ancora il diritto di migliaia di lavoratori di ottenere in tempi certi i miglioramenti economici che oggi si sono sbloccati“.

Soddisfazione e qualche perplessità da Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia, Ernesto Lo Verso, Segretario siciliano Ugl FNA e Marcello Ficile, Segretario provinciale della categoria a Palermo: “Dopo 12 anni sottoscritto il contratto dei dipendenti della Regione Siciliana. Registriamo con soddisfazione che dopo sei lungi mesi di trattativa con l’Aran Sicilia, è stato definito il contratto e economico e giuridico dei circa 13 mila lavoratori. Registriamo soddisfazione pur con qualche perplessità relativamente alle osservazioni della Corte dei Conti che hanno apportato modifiche a 7 articoli del contratto in sede di certificazione. Il contratto sottoscritto giovedì 9 maggio, rimodula l’aspetto organizzativo della Regione Siciliana che la pone al passo con i tempi per una modernizzazione e, sopratutto, una sburocratizzazione della macchina amministrativa per offrire risposte efficienti ed efficaci ai cittadini”.”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.