Regionali, fumata bianca Aran-sindacati: approvato il nuovo contratto di lavoro :ilSicilia.it

Soddisfazione da parte di tutte le sigle

Regionali, fumata bianca Aran-sindacati: approvato il nuovo contratto di lavoro

di
10 Maggio 2019

Via libera definitiva al nuovo Contratto collettivo regionale di lavoro dei dipendenti della Regione Siciliana. Nella riunione del 9 maggio all’Aran Sicilia il presidente Accursio Gallo e le organizzazioni sindacali hanno firmato il testo del nuovo contratto, così come modificato dopo le indicazioni della Corte dei conti.

Grazie all’incessante lavoro di contrattazione dei sindacati e alla collaborazione dei vertici dell’Aran Sicilia abbiamo ottenuto uno dei migliori risultati possibili“, dicono Gaetano Agliozzo e Franco Campagna, segretario generale e coordinatore regionale della Fp Cgil Sicilia, Paolo Montera e Fabrizio Lercara, segretario generale e segretario regionale della Cisl Fp Sicilia, Enzo Tango e Luca Crimi, per la Uil Fpl Sicilia, e Gianni Borrelli, della Uil Sicilia.

Usciamo dalla sede di via Trinacria con un impegno preciso del presidente Gallo che, su nostra precisa richiesta – proseguono i sindacalisti – ha assicurato che già nei prossimi giorni, e con la massima urgenza, convocherà e farà insediare formalmente la Commissione paritetica, a cui toccherà il compito di occuparsi della riclassificazione di tutto il personale della pubblica amministrazione regionale. Un passaggio fondamentale che non può più essere rimandato, perché i lavoratori della pubblica amministrazione regionale aspettano da troppo tempo risposte a cui hanno diritto“.

I sindacati, infine, hanno chiesto che vengano effettuati tempestivamente tutti gli adempimenti per l’immediata corresponsione degli aumenti del trattamento economico fondamentale e la liquidazione degli arretrati. Ciò allo scopo di scongiurare il rischio di ulteriori ritardi “che potrebbero compromettere ancora il diritto di migliaia di lavoratori di ottenere in tempi certi i miglioramenti economici che oggi si sono sbloccati“.

Soddisfazione e qualche perplessità da Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia, Ernesto Lo Verso, Segretario siciliano Ugl FNA e Marcello Ficile, Segretario provinciale della categoria a Palermo: “Dopo 12 anni sottoscritto il contratto dei dipendenti della Regione Siciliana. Registriamo con soddisfazione che dopo sei lungi mesi di trattativa con l’Aran Sicilia, è stato definito il contratto e economico e giuridico dei circa 13 mila lavoratori. Registriamo soddisfazione pur con qualche perplessità relativamente alle osservazioni della Corte dei Conti che hanno apportato modifiche a 7 articoli del contratto in sede di certificazione. Il contratto sottoscritto giovedì 9 maggio, rimodula l’aspetto organizzativo della Regione Siciliana che la pone al passo con i tempi per una modernizzazione e, sopratutto, una sburocratizzazione della macchina amministrativa per offrire risposte efficienti ed efficaci ai cittadini”.”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco