Regionali, individuato un errore nel modello di accettazione delle candidature :ilSicilia.it

Liste a rischio

Regionali, individuato un errore nel modello di accettazione delle candidature

di
4 Ottobre 2017

A meno di 50 ore dal termine per la presentazione delle liste dei candidati all’Assemblea regionale siciliana per le elezioni del 5 novembre, un errore nel modello di accettazione delle candidature rischia di mandare in tilt la macchina delle cancellerie delle Corti di Appello.

Un errore non solo formale ma sostanziale, che potrebbe comportare la cancellazione dalle liste di quei candidati che, anche solo in buona fede, non dichiarano di non avere compiuto alcuni reati previsti dal codice penale.

Il candidato, infatti, all’atto dell’accettazione della candidatura, deve dichiarare di non trovarsi nelle condizioni di incandidabilita’ prescritte dalla legge Severino. Peccato, pero’, che nella modulistica predisposta dall’Ufficio elettorale regionale (dipartimento Autonomie locali), diretto da Margherita Rizza, a proposito delle ipotesi di incandidabilita’ non viene citata la legge Severino (n.235 del 2012), ma una norma ormai superata (la n. 55 del ’90, articolo 15, comma 1), abrogata appunto dalla Severino: norma, questa, che si applica anche alle regioni a Statuto speciale (articolo 14 della Severino).

Una differenza non di poco conto, perchè la legge Severino, tra le condizioni di incandidabilità, prevede reati penali non contenuti nella legge 55 del ’90. Dal confronto delle due norme, emerge che nella legge del ’90 non vengono previste come causa di incandidabilita’ i reati individuati in piu’ di 9 articoli del codice penale previsti come condizioni di incandidabilita’ dalla legge Severino.

Le condizioni di candidabilità previste dalla Severino sono più’ restrittive rispetto a quelle della vecchia norma. Si tratta di non essere incorsi in alcune tipologie di reati contro la pubblica amministrazione. Come ad esempio: istigazione alla corruzione, abuso d’ufficio, rivelazione e utilizzazione di segreti d’ufficio. E ancora, interruzione di un servizio pubblico da parte dei capi o promotori, sottrazione o danneggiamento di beni sottoposti a sequestro penale e traffico di influenze illecite (vedi caso Consip).

A questo punto, qual e’ il rischio? Cosa succederà nelle cancellerie dei tribunali dei capoluoghi di provincia e in quella della Corte di Appello di Palermo? I magistrati dichiareranno inammissibili le domande incomplete o daranno tempo ai candidati per integrare le istanze? Se la modulistica non verrà cambiata o le cancellerie non prenderanno per buone i modelli diramati dalla Regione, il candidato avrà sottoscritto una dichiarazione incompleta che potrebbe essere oggetto di impugnativa qualora qualcuno facesse ricorso.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin