Regionali, "Siciliani liberi" presenta i candidati indipendentisti :ilSicilia.it

In sedici provano ad entrare all'Ars

“Siciliani liberi” presenta i candidati indipendentisti

di
10 Settembre 2017

Casalinghe, avvocati, forestali, agenti di commercio, insegnanti, dipendenti pubblici, liberi professionisti, pensionati, studenti e docenti universitari: è il variegato mondo di ‘Siciliani liberi’, il movimento indipendentista in corsa con il candidato Roberto La Rosa per la presidenza della Regione siciliana, che stamani ha presentato a Palermo la lista dei 16 candidati all’Assemblea.

In lista ci sono anche due dei tre fondatori di SL, Enzo Cassata e Antonella Pititto. SL presenterà liste in ogni collegio. “La presenza alle urne di ‘Siciliani Liberi’ rappresenta una vittoria della Sicilia, qualunque sarà il risultato – dice Massimo Costa, docente di Economia e tra i fondatori di SL – Da oggi è finita la frammentazione sicilianista. La Sicilia ha da oggi un partito suo, che fa solo gli interessi del popolo siciliano. Abbiamo piantato un albero che darà i suoi frutti nel tempo. La nostra non è una semplice lista, è un movimento vero. Che non smonta il 6 novembre e che ha progetti seri per la Sicilia, gli unici che conducano a qualcosa”. Tra i punti del programma l’istituzione della zona economia speciale e la moneta complementare.

“Con noi finisce il pragmatismo di chi si allea con chiunque pur di avere una poltrona – attacca Costa – Le poltrone non danno risultato. Le alleanze si fanno con le parti sociali e noi l’abbiamo fatta con i siciliani, specie quelli più colpiti dal disagio economico e dallo strangolamento del colonialismo italiano”. Da qui l’appello: “rispetto a queste novità il siciliano oggi ha solo due alternative: votare SL o astenersi”.

“Si asterrà chi non ci conosce o, avendo sentito parlare poco e da poco di noi, o non ci riterrà ancora credibili o sottovaluterà le nostre potenzialità di risultato elettorale. E’ la prima volta: sarà in parte inevitabile. Ma chi ci conosce e sono sempre di più – osserva Costa – non potrà che scegliere noi e quindi la libertà e la speranza per il nostro popolo. In questo senso il voto per gli schieramenti italiani è proprio un voto perso. Con loro continua la non storia della Sicilia immobile. Con SL comincia la nuova storia della Sicilia”.

“Chiediamo ai siciliani – aggiunge il candidato alla presidenza della Regione, Roberto La Rosa – di sostenerci con una firma per consentire al movimento di aprire contro il governo italiano un contenzioso, legale e politico, per fermare, una volta per tutte, il sacco dell’Italia a danno della Sicilia”. “I governi del centrodestra e del centrosinistra e la falsa opposizione dei 5 stelle – prosegue La Rosa – sono politicamente responsabili del l’ammanco nelle casse della Regione siciliana di 10 miliardi di euro trattenuti illegalmente dallo Stato italiano”.

“Con ‘Siciliani liberi’ al governo della Regione – assicura La Rosa – un euro fuori dal Canale di Messina non uscira’. La Sicilia e’ stanca di mantenere l’Italia. Per questo e’ necessario dare consenso a un movimento di siciliani nato in Sicilia e senza padrini ne’ padroni fuori dall’Arcipelago, per intraprendere una battaglia di legalita’, di democrazia e di giustizia, per una completa indipendenza economica prima, e politica dopo, della ‘Nazione Siciliana’ un grande Paese che conta, con gli emigrati, 15 milioni di siciliani, molti dei quali ardono dal desiderio di tornare in una Sicilia finalmente libera e indipendente”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.