Regionali, sul nome del candidato governatore fino ad ora nel centrodestra solo fumo | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Musumeci potrebbe essere un valido anti-Bianco a Catania

Regionali, sul nome del candidato governatore fino ad ora nel centrodestra solo fumo

di
29 Giugno 2017

I corsi e ricorsi della politica hanno il pregio di rimettere in campo volti e nomi noti, conosciuti dalla gente, apprezzati, stimati o mal sopportati, ma anche il limite oggettivo di presentare facce già viste accanto a ipotesi ampiamente considerate.

Stefania Prestigiacomo, più volte ministro,’battitore libero’ della parte italo forzista e nome da spendere di Gianfranco Miccichè nella corsa per Palazzo d’Orleans, rimane alla finestra, a metà strada tra la discesa in campo e l’uso funzionale dell’incapricciamento del capo (Miccichè) che vuole mettere i bastoni tra le ruote all’amico/nemico che ama poco e niente (Musumeci)

“Il privilegio per il siciliano consiste, più che nella libertà di godere di certe cose, nel gusto di vietarle agli altri”. Di fronte a Sciascia le congetture esistenziali e filosofiche si azzerano. I mal di pancia diventano sostenibili e persino il linguaggio della politica trova sfogo.

Il clima da ‘uno contro uno’ esportato dalla metafora cestistica del basket alla logica politica del centro destra siciliano, ha trovato nella contrapposizione Miccichè-Musumeci un valido stress test, una misura di quanto lo sforzo di quel che resta dalle parti della coalizione possa misurarsi per analogia, in termini di poca concludenza con la fluida faida tutta Dem Cracolici-Lupo all’interno del Pd.

Fino quando il tempo c’è, in altre parole, le coalizioni se lo prenderanno tutto, prima di presentarsi di fronte alla gente.

E così, se da una parte si studiano improbabili ticket (il centro destra potrebbe avere persino abbondanza di nomi) dall’altra qualcuno sussurra al plenipotenziario di Forza Italia che di fronte alla Prestigiacomo, anche Musumeci potrebbe fare un passo indietro.

Abuso del ruolo e della funzione di consigliere? O strada che spunta?

Musumeci, non è un mistero, potrebbe essere un forte candidato da coalizione ritrovato, anche per le amministrative di Catania, in chiave anti-Bianco, ma oggi di passi indietro potenziali all’orizzonte se ne vedono di pochi possibili.

La distinzione, di matrice italo forzista tra “quelli del 94” e la nuova Forza Italia dei giorni nostri, più attenta a Salvini nei territori e disponibile a concedere spazi, trova Musumeci impassibile e tranquillo. Pronto comunque ad andare avanti.

Sono in diversi a considerare la candidatura di Prestigiacomo come quella della Finocchiaro nel 2008 contro Lombardo, una svogliata ipotesi di servizio.

E allora si chiede il paziente Nello, che sa comunque che la sovraesposizione porta solo camurrìe gratuite, perché lanciarmela addosso, come gradevole, ma poco conducente deterrente?

In fondo non ha tutti i torti.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin