Regionali, ultimo atto. Grillo a Palermo scalda la platea Cinquestelle [VIDEO] :ilSicilia.it
Palermo

Il comizio a piazza Verdi

Regionali, ultimo atto. Grillo a Palermo scalda la platea Cinquestelle [VIDEO]

3 Novembre 2017

 

Ultimo atto per convincere gli indecisi. Beppe Grillo torna a Palermo per chiudere la campagna elettorale di Giancarlo Cancelleri, candidato alla presidenza della Regione Sicilia per il Movimento Cinquestelle.

Una bolgia di simpatizzanti grillini invade piazza Verdi, accanto al Teatro Massimo, per ascoltare l’ultimo comizio di Grillo, prima del silenzio elettorale che scatterà a mezzanotte. Presente ovviamente anche il leader del movimento Luigi Di Maio.

“Grazie per avermi accolto in questi 3 mesi di campagna elettorale. Ho imparato il vostro dialetto. Avete dei termini schiffarato, lagnusia, mascariata e camurria. Sono dei termini terribili che userò per fare un appello e andare a votare. A chi è schiffarato ditegli di andare a votare. A chi è lagnuso ditegli di prendere posizione nella vita. Vi stiamo chiedendo di impedire a una banda di impresentabili di diventare la maggioranza. A chi in questa campagna ha mascariato qualche nostro candidato facendolo passare per quello che non è diciamo di andare a votare”, ha aggiunto. “Andremo al governo della nazione. Ce la possiamo fare. Lunedì sono sicuro che risulteremo al prima forza politica della Sicilia“.

Poi è il turno di Alessandro Di Battista. “Moderati si muore. Alziamo la testa Sicilia. Certi treni passano una volta sola. Dateci un’occasione e impegniamoci. Abbiamo dato l’anima per quest’Isola e per l’Italia intera. Abbiamo rinunciato al finanziamento pubblico, restituito lo stipendio e candidato persone perbene. Chi si astiene vota Cuffaro e Lombardo, lo dovete sapere. Lo so che vi siete rotte le p… ma il Movimento è nato proprio per mandare a casa queste persone.Siamo pronti a presentare la legge 800A, contro i vitalizi”.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.