Regione: 16 aziende siciliane premiate alla Fiera "Golosaria" di Milano :ilSicilia.it

ECCELLENZE MADE IN SICILY

Regione: 16 aziende siciliane premiate alla Fiera “Golosaria” di Milano

di
29 Ottobre 2019

Successo strepitoso per la Sicilia alla quattordicesima edizione di Golosaria, la manifestazione milanese vetrina per le tendenze del mondo delle eccellenze enogastronomiche, che oltre ad una massiccia presenza ha visto ben sedici aziende del gusto premiate nel settore dell’innovazione.

La consegna del premio all’innovazione si è svolta nella giornata clou della manifestazione enogastronomica, domenica, e a premiare i siciliani è stato direttamente Paolo Massobrio, critico gastronomico e patron di Golosaria.

Il premio all’innovazione è arrivato per l’azienda rosolinese Aruci che ha reinterpretato alcuni dolci tipici a base di sesamo di Ispica e mandorle siciliane, Bonsicilia di Acireale per le sue confetture a base di arance e curcuma, la Bacchus di Salemi e il suo elisir ‘Chiaro di Luna’, l’azienda Cancemi, custode dell’antico grano siciliano ‘Perciasacchi‘ e sempre nel campo della varietà dei grani antichi la Molini del Ponte di Castelvetrano e la Riggi di Caltanissetta.  L’azienda Caraci con i suoi prodotti a base di pistacchio di Bronte, il panificio Gitto dalla provincia di Messina con il ‘biscotto di Cuddurra’, riconoscimento anche per il succo di melograno della Pomel di Marsala e l’azienda agricola Tudia di Petralia Sottana in provincia di Palermo, il gelo di fichi d’india della Monil di Bronte non ancora sbarcato sul mercato. Riconoscimento per l’innovazione per il paniere alimentare del distretto dei mercati ‘la Vucciria”, per il packaging dell’olio dell’azienda agricola Centonze della provincia di Trapani e per l’originale contenitore da asporto per arancini della Cerere Fattore siculo di Adrano. Tra i premiati anche la selezione di mandorle della Loman di Cassibile e la valorizzazione dell’oliva autoctona calamigna operata dall’azienda agricola L’oro di Calamigna di Ventimiglia di Sicilia.

turanoAll’appuntamento milanese erano presenti anche la storica torrefazione palermitana Morettino, caffè ufficiale dell’evento, e l’azienda dolciaria Fiasconaro di Castelbuono con tutti i suoi prodotti.

“Dopo la Lombardia che giocava in casa, la Sicilia è stata la regione con la presenza più numerosa e qualificata a Golosaria – ha commentato l’assessore regionale alle Attività produttive Mimmo Turanoè il segno di un settore agroalimentare dinamico e innovativo e la Regione farà tutto il possibile per incoraggiare questo trend di sviluppo”.

La presenza dell’agroalimentare siciliano è stata possibile grazie alla Regione Siciliana che tramite l’Assessorato regionale alle Attività produttive ha finanziato la partecipazione delle cinquantuno aziende dell’Isola a Golosaria.

 

LEGGI ANCHE:

Eccellenze agroalimentari: 51 aziende siciliane a Milano per “Golosaria”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.