Regione: 6,7 milioni per finanziare master, corsi di lingua e alta formazione | video intervista :ilSicilia.it

L'annuncio di Musumeci e Lagalla

Regione: 6,7 milioni per finanziare master, corsi di lingua e alta formazione | video intervista

di
16 Aprile 2019

Guarda la video intervista in alto

Una dotazione da 6,7 milioni di euro per finanziare master e corsi di perfezionamento post lauream, certificazioni internazionali di lingue straniere e licenze, patenti o brevetti. La Regione siciliana vara il progetto Giovani 4.0 destinato a giovani che non abbiano compiuto il trentaseiesimo anno di età e che risultino iscritti nelle liste anagrafiche della Regione siciliana da almeno due anni o che abbiano trasferito la residenza da non più di dodici mesi. Il bando sarà pubblicato nei prossimi giorni.

Si tratta di voucher a rimborso, parziale o totale. In particolare, quelli per finanziare Master e corsi post lauream sono destinati a chi sia in possesso di lauree del vecchio ordinamento, triennali, magistrali o conseguite all’estero e riconosciute in Italia. Gli ambiti di studio previsti sono quello agroalimentare, turismo e beni culturali, energia, smart cities e communities, Economia del Mare e Scienze della vita. In questo caso la fetta di dotazione prevista è pari a 3,5 milioni di euro. Due le finestre temporali per presentare la propria candidatura a questa misura, dal 29 aprile al 14 giugno e dal 2 settembre al 18 ottobre. Ciascun voucher potrà coprire un importo massimo di 7.500 euro, nel caso in cui i percorsi formativi siano erogati da atenei italiani, mentre il tetto arriva a diecimila euro se l’università è straniera, con sede nel territorio dell’Unione europea.

Per i voucher utili al conseguimento di una certificazione internazionale di lingua estera – inglese, francese, spagnolo, tedesco, russo e cinese – sono stanziati un milione e duecento mila euro, che potranno essere erogati durante tre finestre temporali: dal 29 aprile al 14 giugno (400mila euro), dal 2 settembre al 18 ottobre (400mila euro) e poi dal 1 aprile al 15 maggio 2020 (400mila euro). Il valore massimo di ciascun voucher sarà di 1.800 euro per le lingue europee e 2.800 euro per cinese e russo. In entrambi i casi, i fondi saranno utili alla copertura delle spese di iscrizione, di frequenza e di certificazione obbligatoria.

Infine, per il rilascio di voucher per la copertura dei costi di corsi finalizzati al conseguimento di licenze, patenti e brevetti (qualifiche dei tecnici sportivi, patenti e certificati di guida o di altro genere) sono previsti due milioni di euro complessivi, distribuiti in voucher dal valore massimo di cinquemila euro e resi disponibili durante tre finestre temporali, le stesse valide per la sezione precedente.

Ieri si pensava a parrucchieri e manicure, oggi pensiamo a questo tipo di formazione – ha detto Nello Musumeci – Saranno i giovani a decidere a quale corso partecipare. La Regione attraverso un voucher consegnerà il rimborso, totale o parziale, per le spese affrontate. E’ chiaro che non ci fermiamo ai 7 milioni, non appena avremo la possibilità di disporre di nuove risorse, e all’esito di questo bando, potremo benissimo continuare a utilizzare la graduatoria per i giovani che hanno fatto domanda ma si sono visti esclusi per esaurimento delle risorse stanziate nella prima fase. E’ una iniziativa di alto valore sociale, finalizzata ad accompagnare le aspirazioni legittime di giovani che hanno conseguito la laurea o dei giovani che ritengono di arrivare alla laurea attraverso una dotazione formativa più completa“.

Come governo regionale – ha evidenziato l’assessore regionale Roberto Lagalla – intendiamo provvedere alla crescita qualitativa del capitale umano, contribuendo ad ampliare il bacino di professionalità a cui le imprese possono attingere per migliorare la loro competitività e capacita’ innovativa. Con il ‘Progetto giovani 4.0’ daremo a tanti giovani siciliani la possibilità di accedere all’alta formazione, stimolandoli a una maggiore crescita formativa, e di conseguire titoli e attestati utili ad arricchire il loro curriculum professionale“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.