24 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.32

Le uscite dell'Ente

Regione, all’Eas in liquidazione servono venti milioni per le spese del 2019

8 Febbraio 2019

All’Eas in liquidazione servono poco meno di 20 milioni di euro (per la precisione 19.740.000) dalla Regione per le spese ‘indifferibili di gestione‘ dell’anno in corso. Lo si evince da una deliberazione dell’ente allegata alla delibera della giunta Musumeci. Quest’ultimo documento dispone, “al fine di evitare l’interruzione di un servizio pubblico, di autorizzare provvisoriamente l’Ente acquedotti siciliani in liquidazione al pagamento delle sole spese necessarie ed inderogabili per l’anno 2019“.

Con lo stesso atto, il governo Musumeci chiede al commissario liquidatore dell’Eas di conoscere la situazione societaria. Il documento, infatti, delibera di “dare mandato al commissario liquidatore di relazionare, entro la fine del corrente mese di febbraio, in ordine a possibili soluzioni delle criticità della situazione finanziaria e contabile dell’Ente acquedotti siciliani“.

La voce principale tra le spese dell’Eas riguarda la fornitura di acqua da parte di terzi, quantificata in otto milioni. Altri 4,1 milioni derivano dai costi di energia, mentre gli oneri tributari ammontano a 2,5 milioni. Mezzo milione ciascuno per le voci che riguardano i costi di fatturazione e i fitti passivi.

Il costo degli automezzi ammonta a cinquantamila euro, mentre trentamila euro servono per sostenere le spese dei software di contabilità e gestione utenza. Infine, quattro milioni sono dedicati a spese varie in cui rientrano, tra le altre cose, oneri legali, esecuzione di sentenze, analisi chimiche e pulizia dei locali.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.