17 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.38
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

Le uscite dell'Ente

Regione, all’Eas in liquidazione servono venti milioni per le spese del 2019

8 febbraio 2019

All’Eas in liquidazione servono poco meno di 20 milioni di euro (per la precisione 19.740.000) dalla Regione per le spese ‘indifferibili di gestione‘ dell’anno in corso. Lo si evince da una deliberazione dell’ente allegata alla delibera della giunta Musumeci. Quest’ultimo documento dispone, “al fine di evitare l’interruzione di un servizio pubblico, di autorizzare provvisoriamente l’Ente acquedotti siciliani in liquidazione al pagamento delle sole spese necessarie ed inderogabili per l’anno 2019“.

Con lo stesso atto, il governo Musumeci chiede al commissario liquidatore dell’Eas di conoscere la situazione societaria. Il documento, infatti, delibera di “dare mandato al commissario liquidatore di relazionare, entro la fine del corrente mese di febbraio, in ordine a possibili soluzioni delle criticità della situazione finanziaria e contabile dell’Ente acquedotti siciliani“.

La voce principale tra le spese dell’Eas riguarda la fornitura di acqua da parte di terzi, quantificata in otto milioni. Altri 4,1 milioni derivano dai costi di energia, mentre gli oneri tributari ammontano a 2,5 milioni. Mezzo milione ciascuno per le voci che riguardano i costi di fatturazione e i fitti passivi.

Il costo degli automezzi ammonta a cinquantamila euro, mentre trentamila euro servono per sostenere le spese dei software di contabilità e gestione utenza. Infine, quattro milioni sono dedicati a spese varie in cui rientrano, tra le altre cose, oneri legali, esecuzione di sentenze, analisi chimiche e pulizia dei locali.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.