18 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.31

Un invito a superare veleni e divisioni

Regione, Bonafede (UDC): “Inizia il tempo del cambiamento”

30 Novembre 2017

Oggi finalmente l’insediamento della Giunta di Governo segna il passo di un tempo molto atteso, da molti aspettato come il tempo del cambiamento“. Lo ha dichiarato Ester Bonafede, portavoce nazionale dell’UDC.

Tutti i siciliani guardano con speranza al nuovo percorso del neonato governo regionale – ha scritto la Bonafede in un comunicato – non fosse altro che nella considerazione reale che il 50 % dei giovani siciliani è senza occupazione e nel ricordo recente dei 20.000 giovani in fuga dall’isola nell’ultimo anno e perché no, del fatto che due terzi delle donne siciliane vive una condizione di cronica disoccupazione“.

La Bonafede richiama con forza tutti i partiti ad un esame di coscienza sulle polemiche roventi che hanno accompagnato la campagna elettorale. “Nessuno è tenuto a fare cose impossibili – ha proseguito la portavoce dell’UDC – ma quelle possibili abbiamo il dovere di renderle realizzabili. Le elezioni concluse hanno lasciato il ricordo di una competizione deprivata dai contenuti, distratta nelle proposte e concentrata sui disvalori; sulle denominate categorie di “impresentabili” non risparmiate a nessun colore politico. La storia politica dei partiti appare ancora sonnacchiosa, e le coalizioni avversarie avrebbero potuto cogliere la possibilità di un confronto sui temi e sugli ideali per conquistare il consenso; invece tutto ha ceduto il passo al livore, alla ricerca dell’avversione anche personale, piuttosto che alla competizione”.

“La strada non è semplice  – ha concluso la Bonafede – ma percorribile anche facendo ricorso alla resilienza del Popolo Siciliano, cioè la capacità di far fronte in maniera positiva ad eventi traumatici, capacita genetica che ci appartiene. Per questo abbiamo l’obbligo di nutrire nelle cittadine e nei cittadini siciliani, il seme della speranza. Non è banale ricordare a ridosso delle concluse elezioni regionali in Sicilia, che il popolo è soggetto collettivo che può deliberare solo a maggioranza e per di più nella democrazia rappresentativa, sulla sola elezione dei suoi rappresentanti. Il popolo sceglie i propri rappresentanti nell’occasione in cui può esprimere il libero arbitrio politico”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.