Regione, cercasi maggioranza disperatamente. Il centrodestra annaspa e cerca sponde che non ci sono :ilSicilia.it

Il governo siciliano in difficoltà

Regione, cercasi maggioranza disperatamente. Il centrodestra annaspa e cerca sponde che non ci sono

di
28 Marzo 2018

La bocciatura del Documento di Economia e Finanza Regionale (Defr), proposto dal governo, e su cui la coalizione che appoggia l’esecutivo è andata sotto di un voto non è proprio il miglior viatico possibile per la legge finanziaria regionale. Il problema numerico posto dall’evidenza dei fatti non rinvia a soluzioni possibili più incoraggianti nel medio e lungo periodo.

Ieri Ruggero Razza, uno dei leader di  #Diventeràbellissima, oltre che autorevole esponente di governo, aveva provato a lanciare un appello a 360 gradi: “L’Ars lavori su convergenze programmatiche, non si deludano aspettative dei Siciliani, la gente non è più disponibile ai soliti giochetti della vecchia politica, pretende impegno e soprattutto, che si discuta alla luce del sole. Se si è in buona fede, parafrasando il Di Maio del ‘ci confronteremo con tutti’, bisognerebbe riconoscere questo dato istituzionale e lavorare, per trovare convergenze programmatiche sulle tante misure che il governo ha proposto”.

A chiudere la porta, senza alimentare troppe illusioni. era arrivata invece la replica del capogruppo Zafarana: “Le dichiarazioni di Musumeci suonano come una affermazione di resa e delineano una legislatura già al capolinea, una maggioranza a pezzi, ormai inesistente e un presidente non più in grado di governare la situazione.  A questo punto – spiega Zafarana – si apre solo una strada: mettere in sicurezza i conti della Regione con una manovra base che si occupi di alcuni impegni prioritari e indifferibili, risorse ai Comuni e politiche di aiuto ai disabili, poi il parlamento scriva una legge elettorale che dia governabilità a chi vince e si torni al voto entro l’anno”.

In questo scenario, a fare la differenza è stato il voto contrario di Cateno De Luca, un parlamentare che ha già chiarito ampiamente, sin dal primo voto della legislatura, di non sentirsi organicamente coinvolto e strutturato nella maggioranza.

Ieri erano assenti per il centrodestra Gianfranco Miccichè, Marco Falcone e Tony Rizzotto, ma quel che preoccupa, al di là della tenuta della coalizione che sbanda paurosamente, è la prospettiva, assolutamente insufficiente. In altre parole, cinque anni in apnea con numeri così risicati saranno complicati per tutti.

Chi non intende essere ostaggio di un costante ricatto politico è proprio l’inquilino di Palazzo d’Orleans. Musumeci ha infatti ieri duramente risposto in Aula: “Se ci vogliamo confrontare facciamolo con gli atti parlamentari alla luce del sole”.  E ha aggiunto poi: “Se pensate che prima di venire in Aula io debba passare dal capo ras o dal capo manipolo di turno per concordare il voto, francamente non è una strada che voglio percorrere”.

Da dove dovrà dunque riprendere il filo dei discorsi la maggioranza che oggi torna in Aula per approvare la proroga dell’esercizio provvisorio?

È proprio una settimana di Passione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro