Regione, dal governo via libera al regolamento dell'Irca. Sostituirà Ircac e Crias :ilSicilia.it

L'annuncio dell'esecutivo di Palazzo d'Orleans

Regione, dal governo via libera al regolamento dell’Irca. Sostituirà l’Ircac e la Crias

1 Dicembre 2018

Il governo Musumeci ha dato il via libera al regolamento dell’Irca, il nuovo soggetto che prenderà il posto di Ircac e Crias, i due enti che gestiscono le agevolazioni finanziarie in favore delle imprese artigiane e cooperative. “Abbiamo messo in campo – evidenzia il presidente della Regione Nello Musumeci una riforma del settore attesa da troppi anni che mira a concentrare e razionalizzare le risorse. Adesso con il regolamento dell’Irca si compie un passo decisivo per mettere al più presto in funzione questo moderno e importante strumento per lo sviluppo delle imprese artigiane e cooperative“.

Il testo, frutto del lavoro degli assessorati alle Attività produttive e all’Economia e del confronto con le organizzazioni degli artigiani e delle cooperative, prevede nel Cda una componente in rappresentanza delle categorie produttive interessate e delinea un assetto organizzativo che mira ad agevolare i processi di unificazione di Ircac e Crias definendo due divisioni in corrispondenza dei settori di attività dei due istituti. Soddisfatto l’assessore alle Attività produttive Mimmo Turano. “Stiamo mettendo a disposizione degli imprenditori – sottolinea – risorse e strumenti che nelle nostre intenzioni serviranno a ridare vigore e vitalità al tessuto economico dell’Isola e a renderlo estremamente competitivo. Da questo punto di vista una moderna politica per il credito in Sicilia era assolutamente necessaria e non più rinviabile“.

La bozza di regolamento sull’Irca – aggiunge l’assessore all’Economia Gaetano Armao costituisce il passaggio alla fase attuativa della concentrazione tra Ircac e Crias, il cui obiettivo è la semplificazione delle istituzioni finanziarie e la razionalizzazione del credito agevolato in favore delle imprese. Il progetto consentirà più capacità di far credito, meno costi strutturali e più innovazione. La razionalizzazione elimina un’anomalia siciliana (tre enti) e si colloca nel più ampio contesto della riqualificazione del credito in favore delle imprese siciliane. Chiusa questa fase occorre andare più avanti e già siamo al lavoro“.

Sullo schema di regolamento apprezzato dalla giunta saranno acquisiti i pareri delle Commissioni Attività produttive e Bilancio dell’Assemblea regionale siciliana e le eventuali osservazioni delle associazioni di categoria dei settori economici interessati; l’iter regolamentare verrà completato con l’emanazione del decreto presidenziale, dopo l’acquisizione dei previsti pareri obbligatori dell’ufficio legislativo e legale e del Consiglio di giustizia amministrativa.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.