Regione, diminuisce la spesa pubblica: oltre 12 milioni di risparmio :ilSicilia.it

il calo del 25,9%

Regione, diminuisce la spesa pubblica: oltre 12 milioni di risparmio

di
25 Maggio 2018

Diminuisce la spesa della Regione siciliana. Il calo nel 2017 è stato del 25,9% rispetto agli impegni assunti nell’anno precedente. È quanto emerge dal rendiconto per il 2017 approvato dalla giunta MusumeciPer il personale la spesa è diminuita dello 0,37%, pari a circa 12 milioni di euro, mentre è dell’1% la diminuzione per organi istituzionali, rappresentanza, convegni e mostre.

Nel documento di 183 pagine, firmato dall’assessore all’Economia Gaetano Armao e dal ragioniere generale Giovanni Bologna, viene sottolineato che “la gestione del bilancio della Regione dell’esercizio 2017 è stata improntata, come nel 2016, alla severità e al rigore pur in presenza della persistenza della crisi economica che ha timidamente manifestato elementi di ripresa, senza trascurare da un lato la necessità di far fronte agli interventi nel campo socio-assistenziale e di sostegno del tessuto imprenditoriale e dall’altro ad una attività volta ad una sempre più fedele rappresentazione contabile delle risorse finanziarie affiancata ad una azione finalizzata al recupero di risorse finanziarie in passato sottratte alla finanza regionale“. Un riconoscimento, dunque, del lavoro fatto dal precedente governo, in particolare dall’assessore all’Economia, Alessandro Baccei.
Per il governo MusumeciCiò ha permesso di proseguire nel risanamento finanziario già avviato nell’esercizio 2015 per cui a fronte delle coperture dei disavanzi generati dalle gestioni degli esercizi precedenti al 2015 i risultati di gestione incoraggianti consentono di prevedere un periodo di ammortamento dei medesimi disavanzi ridotto rispetto a quanto ipotizzato inizialmente”.

I risultati positivi – si legge nel rendiconto – sono comunque realizzati pur in presenza di pesanti obbligazioni del passato cui si è fatto fronte con le leggi regionali, e in particolare degli oneri relativi ai pignoramenti e ai pagamenti in conto sospeso senza pregressa copertura si procederà con il riconoscimento con un apposito disegno di legge che affiancherà l’approvazione del rendiconto”. Il governo quindi auspica “che il trend degli ultimi tre esercizi possa proseguire, e che nel concretizzarsi dell’auspicato consolidamento e rafforzamento della ripresa economica, si possa assicurare il diffondersi dei benefici affiancandoli a una solidità del bilancio regionale“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin