Regione: dopo 30 anni al via i lavori contro dissesto idrogeologico a Messina | VIDEO :ilSicilia.it
Messina

SUL TORRENTE CATARATTI- BISCONTE

Regione: dopo 30 anni al via i lavori contro dissesto idrogeologico a Messina | VIDEO

22 Ottobre 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

«Torrente Catarratti-Bisconte di Messina: trent’anni di attesa. Incredibile ma vero. Consegniamo oggi all’impresa i lavori che verranno eseguiti sotto il controllo e la vigilanza della Struttura contro il dissesto idrogeologico di cui sono commissario. Poniamo così rimedio a un’insidia per questo quartiere della città, soprattutto nella stagione delle piogge e restituiamo speranza e fiducia ai cittadini che chiedono che si passi dalle parole ai fatti. Ed è proprio quello che stiamo facendo, con una vera e propria inversione di tendenza in fatto di sicurezza del territorio e riqualificazione ambientale, attraverso ingenti investimenti e con l’impiego di risorse umane di altissimo profilo».

De Luca Musumeci, firma lavori Torrente Catarratti-Bisconte di MessinaCosì il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, a margine della cerimonia per la consegna dei lavori – della durata di 18 mesi e per 16 milioni di euro, alla ditta aggiudicataria, l’associazione temporanea di imprese Consorzio Stabile P.C.- Ciesseci srl di Maletto – per la riqualificazione ambientale e il risanamento igienico del torrente Catarratti – Bisconte nel Comune di Messina, alla presenza, tra gli altri, del sindaco Cateno De Luca e del direttore dell’Ufficio contro il dissesto idrogeologico, Maurizio Croce.

Un intervento di grande importanza finanziaria – è quello con l’importo più alto tra quelli programmati dalla Struttura commissariale – e strategico dal punto di vista ambientale perché in grado di garantire il pieno recupero dell’area.

De Luca Musumeci, firma lavori Torrente Catarratti-Bisconte di MessinaIl progetto prevede la sistemazione idraulica del canale ma anche opere viarie di sistemazione e di razionalizzazione della sede stradale esistente, fino all’abitato di Catarratti. È altresì prevista la realizzazione di una nuova rete fognaria che sostituirà quella attuale che si sviluppa per un lungo tratto nell’alveo del torrente.

«Non stiamo regalando nulla alla città dello Stretto – ha concluso il presidente Musumeci – ma stiamo solo restituendo quello che per tanto tempo le è stato tolto. Quello che stiamo facendo adesso poteva e doveva essere fatto tanti anni fa e per questo chiedo scusa ai messinesi per quello che i miei predecessori non hanno fatto».

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.